Cards on the table and bullets in the gun, English, Storie

Cards on the table,bullets in the gun

He was sitting there,without looking nowhere in particular.
His silver,shiny colt was leaning by his left side.
It was a hot,sunny day of summer,or, at least, he thought it was summer. It could be summer by the terrible heat which ate your face and hurt your eyes, but, after all, every single day for him was just the same as if he was living the same 24 hours over and over again, since when he had made up his mind to run away from that mouse trap that was his born city. He remembered the day he had left with a grin of satisfaction and a bitter taste of victory. He had run for miles and miles,stolen a horse and given a last glance to the old city clock, which,in that very moment, was striking five.
Now he was there,somewhere,everywhere, covered in dust and sweat, a drink in his hand where the ice was melting slowly,remembering him that the sun,outside, was hotter than the women he used to occasionally take to dinner.
He was,ironically, what would be defined a cowboy.
And also a homeless,since he had no place to live.
He left as he arrived,disappearing without leaving a single trace of his passage in these or that ‘spit’ of a town,as he defined them.
He rode for a day or two without a break and his whole body was aching.
He looked in front of him: the girl was still standing there.
She had been watching him since the moment he arrived and he had to fight with himself more than once not to give in the temptation of show his interest in her.
He stand up,leaving his whiskey on the table and approached the jukebox,where he checked the song list, inserted a quarter and pushed the button. Then, he came back to his chair.
The girl had started dancing, winking to the costumers and showing proudly her beads decorated bra and her short skirt. Her skin was tanned and in her hair there was something which recalled him a strawberry blond waitress he met years before. She came closer and closer as he grew cold, trying to play it cool and nice.
“You look pretty nice,cowboy” she whispered in his ear.
“You too look good ” he answered, with a sour grin on the curve of his lips.
“And you also have a good taste in music..this is my favorite song,you know?”
“What a lucky coincidence.”
“Indeed” she grinned back.
He recognized trouble when he was seeing it, and he knew for sure that girl was a high danger level,served on a silver plate.
“You should be dancing for the costumers. Otherwise they’ll get pretty mad.”
“And you should be drinking your corn-juice on the rocks,babe,but you don’t look interested in it anymore. Moreover,there are plenty of dancers tonight.”
“Uh-uh”
He pressed his hat on his head again,hiding his eyes in the shadow.
She sat on the table.
“What have we got here? A gun?”
“You’d better not touch it,if you mind keeping your hand exactly in the position where it is now. If you make a move, I’ll consider it as your last wish.”
“Such a big,strong man who’s picking on such a delicate girl?” she laughed at him “Please,try to be serious. Now,if you bother to listen to my request,I’d be more than happy to explain my point of view to you,Mr.. What’s your name?”
“Who asks for it?”
“Jane. And that’s enough for you to know.”
“My name’s Riley. Ask no more questions,lady.”
“Fair for me. As if I cared. See, I noticed you from the first moment you stepped inside. You seem to be someone with a little bit of a brain still not spoiled by alcohol.”
“Should that be a compliment?”
“A big one” she winked “I saw your horse over there. Strong animal. Surely it is clever.”
“The point being?”
“I need to get away from here”
“Babe,I don’t think you understand the situation. Listen I’ll explain it to you very slowly so that you can understand the point I’m trying to make without any effort: I’m a stranger to you, I have a gun. You come here and ask me to take you away. You enjoy playing with fire.”
“And so?”
“I’m not going to play your game,lady. Find another fool to chase. I pay my bill and leave and I’ll do it right now. And,here’s the best part, you are not coming with me.”
“Why not? I am the one who’s risking her life,not you. You are the tough one here.”
“I simply don’t have a reason to take you with me,that’s all. Be gone,now. Go back dancing or stealing other chuckleheads’ wallet..by the way,that would be mine.” said he,taking her wrist in his hand and taking his wallet from her agile fingers. “I don’t like thieves.”
She looked at him, there was fire in her eyes. It burned for a couple of seconds before she started grinning again “Looks like the horse is not the only clever beast ‘round here,uh? You’re such a weirdo,you know that,don’t you?”
“I haven’t been hearing that word for years,young lady.”
“Who are you? My daddy? Now,leave. I’ll find someone else. Someone better,maybe.”
“Do whatever you want” said he,shrugging.
He pressed his hat again on his head and checked the wallet. She hadn’t had the time to steal anything from it. He turned around and made his way to the counter. He was about to ask for the bill and,maybe, an other whiskey when a little cry behind his back made him quickly turn back to see what was happening behind him. A big man,probably bigger than he was, had grabbed Jane’s arm with his hand. The girl was struggling against him,trying to push the stranger away,but it was no use. The music had stopped and now everyone was looking at them. A sort of uncontrolled flame of anger seemed to possess ,for a moment, Riley’s belly and brains. He didn’t even dare to move, not to betray his feeling, then he heard him:
“Why don’t you wanna give me what you were gonna give to that bugger,uh,hon’? I’m sure we’d have some fun together,sweetie.”
Something deep inside of him jumped out and,without even thinking of what he was doing or saying, he screamed, in the middle of the saloon “Hey,you! Yeah,you big guy. What’s your problem with the lady,uh?”
The man didn’t even turn his way.
“Hey,looks like your new friend is an aspirant suicide,gal.”
Jane protested as his hand squeezed her little, pale arm tighter.
“Hey,scalawag. I am talking to you. Let the damsel go.”
This time the giant stranger looked at him right in his eyes before answering “Otherwise?”
“You’ll see.”
“I don’t care a continental about your pretty face. Smash it would be such a great pleasure..maybe it will be as great as the pleasure of staying with this nice chick.”
“Last chance to do what I say.”
“You’d better do what he says” muttered Jane to her abuser.
“And you’d better hobble your lip!” said him,angrily, pushing her to the ground with a thud. Jane stood on the floor,without moving.
Riley’s hand flew over his colt, automatically. Then he stopped thinking: the man could have been unarmed. He caught an empty bottle from the counter.
“Do you enjoy playing on the gallery,uh? Let’s see how good you are on bulldozing someone of your size.”
“It will be my pleasure,yellow belly.”
Riley jumped,agile as a panther, and they were almost immediately face to face. He tried to avoid every fist of the stranger as quick as he could: if the guy was stronger, he surely was faster. The first shot missed his head of an inch,while the second caught him in his stomach. He fell, still holding the empty bottle in his hand. The giant man was planning to hit him again,but he managed to roll under a wooden table and dodge the strike addressed to his head. Leveraging on his back he succeeded in getting on his feet again. With a rapid,sharp move he hit the man right in his bald head with the bottom of bottle, catching him unprepared. He roared, looked at him and then, with his head made red by the blood that was spilling out the wound,fell on the ground,unconscious.
Panting, he left the rest of the bottle to fall to the floor, collected his hat and went towards the girl who hadn’t moved of an inch.
“Jane? Are you all right?”
“You defended me” whispered her.
Her voice was very low,but firm and she had opened her blue eyes a little.
“I did. Can you walk?”
“Yes,I’m fine,thanks to you,cowboy.”
“Come,we’re leaving the place.”
“Wait a minute,wait a minute. We?”
“Yeah. You wanted to leave this place,right?”
“Yeah,you can bet that I want leave.”
“Then, come with me.”
“I thought you were a sort of lone ranger,or something along those lines.”
“I’m not saying you’re staying with me forever,but I have no intention to leave you here with this kind of high binders here..”
“That’s all right for me.”
A menacing man with a dirty and rusty beard appeared behind the counter as soon as he heard what was going on
“Hey,where do you think you’re going with my best dancer like that,uhuh? If you really want to have a ride with her, you’ll have to pay.”
“Is that a bluff, or do you mean it for real play?”
“No bluff at all. She’s mine. You came here and when you leave my saloon’s destroyed,my best client’s on the floor,bleeding,because of you..take her away,she’s trouble and I don’t want her, I don’t even care. But I want my dinero,amigo.”
He looked at Jane,puzzled. She shook her head.
“Fine. How much?”
“How about four hundred?”
“You wish. Let’s make two. And consider yourself lucky.”
“I’m not..!” he stopped,his eyes on the cowboy’s hand that was lying on the gun “You can keep your money,filthy cowboy. Now go. And never come back.”
“I won’t, that’s for sure.” said Riley, stepping out of the saloon. Jane followed him outside without a word.
“You knew about the fee right from the start,didn’t you?”
“Well,yes. Who didn’t?”
“I didn’t. How the Sam Hill did you think you could go away,uh?”
“What a silly question! In secret,that’s obvious.”
“Right. I’m way too naive,I suppose” said he wryly, with a grimace “You know how to ride,I guess.”
She nodded.
“Fine. I guess that our sonkey in there doesn’t need his horse for a couple of hours..and we’ll be far from here by then. Here.” said he, passing her the reins of a white horse, tied next to his.
“How do you know it’s his horse?”
“I saw him coming. His fellow will be happy to carry a lighter weight on his back, I think.”
“Yeah,sure. I thought you didn’t like thieves.”
“Sometimes I don’t like myself either..Follow me.”
“I’ll be right behind you” she said,jumping on the saddle.

 

 

 

Notes:

-the title of this story is taken from T. Keith’s song “Bullets in the gun”;
-I’d like to write a second episode,but I can’t promise anything for reasons of time;
-I hope there are not too many grammar/vocabulary mistakes.. if there are some mistakes that need to be corrected,please tell me 🙂
– You can find all the ‘western lingo’ I used here : Legends of America
– I’ll soon post a translation of this text in Italian 🙂

.. I hope you like it 😀

Standard
Storie

Scatole

“Come sta?”
“E come vuoi che stia? Non è diverso da due settimane fa.”
“Ancora? Eppure i medici avevano assicurato una via d’uscita.”
“Eh,che ci vuoi fare? Avranno cercato di farti sperare per il meglio. Oramai è tardi.”
“Dici che avremmo potuto evitarlo?”
“Mah,non so..cose di questo genere sono difficili da individuare.”
“Tu credi?”
“Ne sono sicuro. Ti scatta una molla dentro e pam, tutto salta all’aria.”
“Dimmi un po’,delira come ieri?”
“Sì”
“Ancora quei borbottii,quei mugugni sommessi?”
“Sì..e qualcosa di più.”
“Racconta.”
“è fissato con le scatole”
“Ma dai!”
“Giuro.”
“Da quando questo?”
“Dal giorno in cui l’hanno internato..forse poco prima.”
“Scatole..ma tu guarda. Una settimana fa avrei giurato fossero le formiche l’oggetto della sua mania.”
“Scatole,formiche. Ha cercato di aprire la finestra.”
“E ci è riuscito?”
“Certo che no. Da direttamente sul giardino. Sono tutte sigillate,lo si sa. Hai qulche spiccio? Questa macchina non ne vuole sapere di darmi il mio caffè.”
“Aspetta,dovrei avere qualcosa in tasca..”

“Sai,ieri sono andato a trovarlo,come aveva consigliato il dottore.”
“E quindi?”
“Beh,è come avevi detto tu.”
“Le scatole.”
“Già.”
“L’hai sentita la storia della fuga?”
“No,questa è nuova. Racconta,racconta. Chissà quale nuova ha partorito in questi giorni.”
“Mi ha detto che vivo in una scatola. Io. Ma anche lui,ha detto vive in un’altra scatola con le finestre sigillate. A quel punto ho pensato parlasse dell’ospedale,ma non ha nemmeno ascoltato la mia riflessione.”
“E poi?”
“Ha continuato,il disco rotto. Scatole di qui,di là,di su,di giù. Grandi e piccole, luminose,scure,ma sempre chiuse. Tutti,ripeto,tutti, ha detto, viviamo in una grandissima scatola che è il globo terracqueo. Ma anche qualcosa di più..”
“E dai,vai avanti,su!”
“Eh,la fai facile. Ricostruire le elucubrazioni di un folle! Dammi tempo,da bravo. Dunque..ecco,sì. Ha detto che il sistema è una scatola,così ha raccontato. E noi non sappiamo che è una scatola.”
“Pazzesco!”
“Ma aspetta,ora arriva il bello: quando ci accorgiamo che il sistema è una scatola,noi non possiamo comunque uscirne. Perchè,e, croce sul cuore,io ripeto le sue stesse parole, il coperchio è in alto in alto. Dice che la tastiamo,ma non riusciamo a trovare l’apertura. Mi ha bisbigliato,sì, bisbigliato, per non farsi sentire dall’infermiera, che è tutto un complotto. Il sistema, ha riferito, non vuole che ci accorgiamo della scatola perchè altrimenti tenteremmo di uscire e,senti qua, qualcuno potrebbe anche trovarla, la via d’uscita. Da soli non possiamo uscire dal contenitore perchè non ne siamo capaci,anche se ne prendiamo conoscenza.”
“Quali voli!”
“Puoi scommetterci. Passami l’accendino per favore.”
“Tieni. Ma,scusa,poi cos’ha fatto? Dopo la speculazione sulle scatole,intendo.”
“Lo sai,ciò che fa tutti i giorni. Si è seduto a guardare il suo terrario e poi si è messo sul davanzale con la lente.”
“Le formiche non avranno mai considerato una fortuna una giornata di pioggia prima del suo arrivo!”
“Credo proprio di no.. Accidenti,se è tardi! Devo correre a casa. Senti ci passi tu domani?”
“Per sentirmi raccontare ancora una volta la fantasmagorica storia delle matrioske? Ma sì,perchè no.”
“Grazie. Ora scappo.”
“Aspetta..dì un po’,ma, secondo te,quanto potrà andar avanti così?”
“Non lo so..ma non molto. Ha già le prime macchie. Forse si fermerà anche il suo delirio,allora.”
“Hai ragione. Salutami Marta.”
“Sicuro. A domani.”
“A domani.”

Standard
Fanfiction, Fantastic 4, Storie

Enchanted

PREMESSA:

Da tempo avevo una mezza idea di scrivere un racconto sui Fantastici Quattro evitando la versione fumetto e quella dialogata..così è nata la mia prima Fanfiction (story) i cui protagonisti sono Susan Storm (The Invisible Woman), Benjaming J. T. Grimm (The Thing), Johnny (Jonathan Spencer Lowell) Storm (The Human Torch) e Reed Richards (Mr. Fantastic)  più qualche altro personaggio creato da me 🙂
Spero vi piaccia.. 🙂
Ho deciso di tenere il nome Aiden per il principe per due motivi: il primo è che mi piaceva come suono da accostare ad altre parole (come si vedrà nel corso del racconto) ed il secondo è che sono troppo pigra per cambiarlo tutte le volte 😀
Ringrazio tutti coloro che mi hanno dato i loro preziosi consigli per la scelta del nome (i nomi proposti saranno utilizzati in un acconto successivo,non temete) e ringrazio Matthias per avermi suggerito il nome ‘Gairowald’ 🙂

QUESTO è UN RACCONTO DI FANTASIA.
I PERSONAGGI (SUSAN,REED,JOHNNY,BEN,DIABLO) NON SONO DI MIA PROPRIETà,MA PROPRIETà MARVEL.

PARTE 1: UNA GIORNATA COME TANTE

Susan si alzò di scatto,chiudendo il libro. Il tavolino di fronte a lei aveva cominciato a vibrare e dei piccoli cerchi si stavano formando nella tazzina posta al di sopra.
Dal corridoio sbucò la testa di Reed, gli occhi coperti da grandi occhiali scuri che lo facevano assomigliare a Willie Wonka, il personaggio de ”La fabbrica di cioccolato” .La guardò con solo il collo elastico e la testa nella stanza (il resto del suo corpo doveva ancora essere in laboratorio,pensò). «cos’è stato? Un terremoto?» gli chiese «Non esattamente.» rispose lui,sommessamente.
Sue lo guardò al di sopra delle lenti degli occhiali « come sarebbe a dire ‘non esattamente?» «Niente di troppo grave,sono sicuro di poter aggiustare ogni cosa..»
Il sangue le si gelò nelle vene. «AGGIUSTARE?!» «Beh,uhm,sí,ecco..» disse lui balbettando appena. Il tono che Sue usava quando si irritava lo metteva in soggezione.
Un rumore improvviso li fece voltare entrambi. «JOHNNY!» la possente voce di Ben tuonò per tutto il corridoio e la Torcia Umana sfrecciò in salotto come un proiettile arancione. «Johnny! Non si vola in corridoio!» gli urlò dietro sua sorella in un disperato tentativo di arrestarlo. Reed si era nuovamente ritirato nel suo angolino di quiete,ovvero la stanza insonorizzata del Baxter Bulding.
«ALT!» urlò di nuovo Susan, mettendosi tra Johnny e Ben proprio nel momento in cui le enormi mani di pietra arancioni stavano per stringersi sul collo della Torcia «Adesso basta,voi due! Che cosa succede stavolta? Ben?» «Questa è la volta buona che rimani figlia unica,Suzie! Quel pastrocchio di tuo fratello ha appena fuso il mio televisore e la mia macchina nuova!» «è la verità,Johnny?» chiese lei voltandosi verso il ragazzo ed il suo sorrisetto beffardo bastò a darle la conferma. Sue alzò gli occhi al cielo «Qui nessuno uccide nessuno. Johnny,sei in guai grossi e risarcirai Ben fino all’ultimo centesimo. Con il tuo denaro,non con quello di Reed,chiaro? E farai le faccende domestiche per un bel pezzo» Johnny mise su il broncio. « E adesso,filate. Tutti e due. Ah,Johnny,già che ci sei, controlla un po’ cosa sta combinando Reed là sotto. Inizio ad essere preoccupata.» «Non capisco ancora perchè io non posso volare in giro per casa,mentre Reed,che è altrettanto pericoloso,può giocare con le sue provette da chimico tutto il giorno» disse Johnny,rivolto più a sè che a Sue, che però lo sentì «Te lo dico io il perchè. Numero uno,Reed ha il suo laboratorio che è una zona limitata della casa,per quanto vasto possa essere e,numero due, lui aggiusta sempre ciò che rompe. E ora forza,marsh!» disse lei,puntando l’indice verso la porta con un tono che non ammetteva repliche.
I due uscirono,mentre Johnny ancora si lamentava sottovoce di quanto fosse ingiusta la sua punizione: passi la macchina,ma non capiva cosa c’entrassero le faccende domestiche.
Sue non fece in tempo a sedersi una seconda volta che squillò il telefono. «E adesso cosa succede?» chiese a se stessa ad alta voce,sollevando il ricevitore «Qui,Sue Storm,membro dei Fantastici Quattro,come posso aiutarla?» «Potrebbe semplicemente rinchiudere il suo fidanzato e suo fratello,signorina Storm» le rispose la voce di un’alquanto irritata Courtney, l’inquilina del piano di sotto; e per la seconda volta,Sue si ritrovò a guardare il soffitto. « Qualche problema?» chiese,nel tono più neutro che riuscì a trovare «A parte il frastuono che proviene dal piano di sopra e l’assenza di corrente ed acqua potabile,no.» rispose la vicina con un tono acido «spero che risolva tutto e subito,Susan. Altrimenti,alla prossima riunione di condominio mi sentirà forte e chiara. Ah, può dire a suo fratello Jonathan di smetterla di giocare con il fuoco vicino agli allarmi antincendio? Sono arcistufa di ritrovarmi la casa allagata tutte le volte che quel ragazzo è nell’edificio.» «Farò ciò che posso. La ringrazio. Buona giornata» «Non ho più belle giornate da quando siete capitati qui!» rispose secca la donna e riattaccò. Sue sospirò rumorosamente e si massaggiò le tempie, chiudendo il libro nuovamente. A quanto pareva, doveva per forza andare a vedere cosa stava combinando Reed al piano di sotto.
Si avvicinò piano alla porta del laboratorio e bussò due volte. «Reed?» Ci fu un breve silenzio «Sì,Susan?» rispose infine la voce di Mr Fantastic. «Posso entrare?» «Sì,certo. Entra pure» rispose lui,mentre la porta si apriva,rivelando il luogo preferito dallo scienziato. Sue tossì: c’era cenere da tutte le parti e qua e là volavano dei piccoli pezzi di carta. «Reed! Che caspita è successo qui? L’Apolisse?» «No,ho solo sbagliato un’approssimazione e..uhm,beh,puoi immaginare il resto.» Sue lo guardò con sguardo severo,ma poi scoppiò in una sonora risata quando vide i cerchi neri attorno agli occhi di Reed, dove poco prima vi erano gli occhialoni.
«Cosa c’è di così divertente?» chiese lui, ignaro del suo aspetto,evidentemente. «Oh niente, è solo che sembri appena uscito male de un incontro di boxe.» disse lei, mentre gli si avvicinava al viso con la mano per togliergli la fuliggine grigiastra. «Oh.» fece lui e sorrise di rimando. «Hai lasciato l’intero Baxter Building senza elettricità e senz’acqua,lo sai?» «Lo sospettavo.. dev’essere saltato tutto nei pannelli. Li sistemerò non appena avrò tolto questo macello.» «Ti aiuto io,scienziato pazzo che non sei altro.» disse lei sorridendogli amorevolmente e baciandolo sulle labbra «Un giorno di questi dovrai deciderti ad inventare qualcosa che ci consenta di pulire più in fretta. Sono stanca di essere circondata da tecnologie da un miliardo di dollari e dovermi ancora servire di stracci e scope.» disse la Donna Invisibile mentre apriva il ripostiglio del laboratorio.
Un’ora dopo,il laboratorio era di nuovo in condizioni normali e Reed stava armeggiando con i pannelli per riportare tutto alla normalità. Sue guardò l’orologio e sobbalzò «Oh cielo»
«Cosa succede?» chiese Reed,allungando il collo per controllare «Mi ero dimenticata di avere un appuntamento con Jennifer. Sono in un ritardo mostruoso! Farò meglio a precipitarmi là. Buona fortuna con i pannelli. Fai in modo che Courtney non abbia occasione per riattaccarsi al telefono,per favore.» «Potrei staccare la linea..» disse Mr Fantastic,sogghignando in un modo che lo faceva sembrare molto simile alla Torcia quando progettava qualcosa di estremamente dispettoso,ma al contempo divertente per lui. Sue sorrise,lo baciò e corse fuori dall’appartamento.
Dopo circa mezz’oretta,Reed sentì bussare alla porta del laboratorio. «Sì?» chiese,le mani ancora tra i cavi che regolavano la corrente «Reed? Hai visto mia sorella, per caso?» disse Johnny,circospetto. «Uh..sì. è uscita da un po’. Cosa succede?» «Niente di che. è solo che..beh..c’è un piccolo problema.» «Che genere di problema?» «Sai il suo armadio?» «Sì..» «Ora è un po’ più..croccante.» Reed spalancò gli occhi «COME?? Hai carbonizzato l’armadio di tua sorella??» Johnny gli fece cenno di abbassare la voce «Shh! è stato un incidente. Non l’ho visto e ci sono finito addosso. In fiamme. Ben mi rincorreva per tutto il corridoio,la porta era aperta,ero girato dall’altra parte e..beh. Bum.» Reed tornò a guardare i pannelli «Susan ti ucciderà.» disse, il suo tono di voce era atono.
Proprio in quel momento la voce di Sue giunse dal corridoio «Reed? Ma..non è ancora tornata la corrente??» I due si guardarono per qualche istante e Johnny sillabò con estrema chiarezza la parola ‘coprimi’. «Ehm..» balbettò Reed, in risposta alla Donna Invisibile «No..Ho un problemino,ma è quasi risolto. Potresti darmi una mano?» disse,mentre Johnny sgattaiolava quatto quatto o per cercare di rimediare al danno o per nasconderlo o per sfuggire all’ira della sorella. «D’accordo..» «Come mai sei tornata così presto?» «Con Jen abbiamo dovuto rimandare perchè l’hanno chiamata dal tribunale,quindi sono tornata prima» disse lei,entrando «Allora..dov’è il problema?»
«Uh..tieni un secondo questi cavi,mentre cerco il saldatore.»
«OK..» «Eccolo qui..solo un secondo..fatto. Ora dovrebbe essere tutto a posto.» disse Mr Fantastic sorridendo alla ragazza. «Bene. Allora vado..c’è tantissimo da fare in casa..» e scomparve lungo il corridoio.
Reed chiuse ogni pannello e ripose gli strumenti,per poi dirigersi di nuovo alla sua invenzione. Dopo una manciata di minuti, un urlo lo fece trasalire e sbattere la testa,mentre la sollevava di scatto. Corse subito nella direzione del rumore per trovare Susan immobile a bocca aperta a fissare ciò che rimaneva del suo armadio e tutti i suoi vestiti,ormai ridotti ad un mucchietto di cenere. L’uomo si mise una mano sul volto.
«JOHNNY!» la voce di Sue assomigliava ad un tuono tanto era carica di rabbia e furore «è un uomo MORTO!» ringhiò rivolta verso l’innocente Reed e puntandogli un dito contro il petto.
Johnny,che in quel momento aveva appena imboccato il corridoio, accennò a far dietrofront senza un rumore,ma Susan,girandosi di scatto,lo vide. «Non. osare. muovere.un. dito.» gli intimò. Reed cercò di trovare qualcosa da dire,ma non gli vienne in mente nulla di opportuno..almeno,nulla che avrebbe potuto migliorare la situazione in cui Johnny si era infilato. «Senti,è stato solo un..» «Non dire una parola. Non una,capito??» disse lei,gli occhi che scintillavano di rabbia «Quanti danni sei capace i fare mentre non ci sono,Johnny? Quando la smetterai di comportarti come un ragazzino ed inizierai a prestare attenzione alle cose che fai??» il ragazzo stava a capo chino,mentre i decibel della voce di sua sorella erano diminuiti. «Adesso voglio che tu pulisca quel macello. E poi mi accompagnerai a fare shopping. Coglierò l’occasione per rifare il guardaroba..e sappi che ti chiederò il risarcimento per ogni singolo penny. Vedi di muoverti.» Johnny sospirò e si diresse verso la stanza della sorella.
«Sue,non dovresti essere così dura con lui..è solo un armadio» disse Reed. L’occhiata assassina con cui Sue lo incenerì sul posto,però,fu sufficiente a fargli desiderare di rimangiarsi ogni parola.
«Tu hai da fare giù di sotto e..»
In un secondo tutti gli allarme antincendio si attivarono e furono investiti da una fitta pioggia proveniente direttamente dai sensori sul soffitto.
«Colpa mia» disse Johnny,la cui voce si sentiva a malapena.
«Miss Storm!» la voce di Courtney,però,riusciva a sentirsi in maniera più che chiara anche con tutti gli allarmi all’unisono «se devo sopportare ancora una volta le vostre stranezze,giuro che..Oh! Signor Richards,proprio lei cercavo.» Courtney era fradicia,il suo volto paonazzo era incorniciato dai suoi capelli grigi,un tempo un caschetto impeccabile.
«Si,signora,io..»
«Lei è lo scienziato qui dentro,vero?»
«Sì,ma..»
«Quando si deciderà a trasferirsi o a bloccare i poteri di quel pericolo pubblico che è la torcia?»
«Fermerò gli allarmi e l’acqua in un attimo.»
«Prenda anche uno straccio ed un secchio per asciugare il mio appartamento. Non mi importa quante lauree lei abbia.»
Sue sospirò,i capelli bagnati che le si appiccicavano alla faccia. Dopo aver rivolto un’occhiataccia al fratello si diresse in laboratorio e premette il ben noto (grazie a Johnny)bottone che faceva interromepere gli allarmi antincendio e staccava le bocchette. Contemporaneamente al cessare delle sirene sentì un rumore sordo alle sue spalle. Si voltò e vide la porta del laboratorio chiusa. Svelta si avviò in quella direzione e mise la mano sul pannello, che non diede nessun segno di vita. Poi,di colpo, tutte le luci si spensero,lasciandola nell’oscurità più totale.
«Fantastico» mormorò tra i denti stretti,mentre tastava le porta palmo a palmo per trovarne la fessura «davvero meraviglioso». Provò ad aprirla inserendovi un campo di forza che allargò in maniera progressiva,ma la porta rimase chiusa saldamente e l’unico risultato fu che si ritrovò a gambe all’aria qualche metro più in là. Solo in quel momento si ricordò che la porta del laboratorio era a tenuta stagna e che,in caso di emergenza,si chiudeva in automatico. «nulla entra e nulla esce» aveva spiegato Reed, tutto entusiasta,quando aveva testato la porta per la prima volta «Ovviamente,» aveva aggiunto «l’ho progettata perchè sia totalmente sicura.» «In che senso?» aveva chiesto Susan,sopra il ‘pop’ prodotto dallo scoppio dell’enorme bolla che suo fratello aveva fatto con il chewing-gum. «Beh» aveva detto Mr. Fantastic, urlando nel disperato tentativo di superare la risata cavernosa di Ben alla vista della faccia di Johnny,tutta impiastricciata «significa che non è possibile aprirla in nessun caso. è refrattaria persino ai nostri poteri. Ciò vuol dire che Ben non riuscirebbe ad abbatterla nemmeno se vi si buttasse addosso con tutta l’energia di cui dispone (è una lega particolare che ho scoperto molto di recente), men che meno Johnny riuscirebbe a fonderla, anzi rischierebbe un pessimo ritorno di fiamma. Nemmeno io potrei passarvi sotto o nella fessura per il semplice fatto che non vi sono fessure. Se Victor o chiunque altro,tentasse di attaccarci per accedere al laboratorio o se il sistema rilevasse un intruso,la porta si chiuderebbe in automatico fino al nostro arrivo. La chiusura si sblocca solo con le nostre impronte digitali.» Sue lo aveva guardato con aria interrogativa e lui le aveva mostrato i pannelli blu elettrico che erano posizionati ai lati «Ecco qui. Questo piccolo apparecchio scannerizza il palmo della tua mano e permette che la porta si apra. Nella memoria ho registrato le tue e le mie impronte digitali.» «E quelle di Johnny e di Ben?» «Ho ritenuto poco prudente lasciare libero accesso al laboratorio a tuo fratello,Sue. Dopo lo spiacevole episodio con quella ragazza nella Zona Negativa, il party e..» «Ok,ok. Ho capito e condivido» Reed aveva sorriso per poi continuare «E Ben..beh,lui non ha impronte digitali,il che rende impossibi–»
A quel punto la loro discussione era stata bruscamente interrotta dall’urlo di Ben e dalla successiva risata di Johnny che,sebbene fosse caduto dalla sedia, non sembrava voler smettere di prendersi gioco dell’amico che presentava una gran macchia scura di cenere al centro del petto proprio dove prima spiccava la sua maglietta nuova. Dall’espressione di Ben,sembrava che la situazione richiedesse l’intervento di Reed,prima che le sue gigantesche mani si sfracellassero sulla testa di Johnny,cancellandone esistenza.
Sue cercò di andare a tentoni per tutta la lunghezza della parete fino a che non ritrovò la sporgenza che le faceva intuire che si trattasse del pannello,ancora silente.
In caso di emergenza la porta si chiudeva chiudendo fuori o intrappolando all’interno chiunque vi si trovasse.
La porta poteva essere aperta solo da lei e Reed, attraverso la decodificazione delle impronte digitali. Tuttavia, Reed non aveva mai previsto un blackout o un cortocircuito e,se lo aveva fatto, di certo Susan non ne era stata informata.
«Sono chiusa qui dentro.» mormorò. Iniziò a battere con tutta la sua forza contro la porta che rimaneva sigillata ed ad urlare a pieni polmoni «HEY!!! HEEEEY!!! SONO QUI! MI SENTITE??» Niente. Dopo qualche minuto,si sedette sconsolata sul pavimento del laboratorio. Dopotutto, c’era la possibilità che Reed avesse insonorizzato la stanza per via delle frequenti esplosioni o dei frequenti boati che provenivano dalle sue innumerevoli invenzioni. Si accoccolò in un angolo, le gambe accostate al petto, cinte dalle sue braccia. Tanto valeva aspettare senza sprecare fiato.
Cercò di concentrarsi su qualcos’altro. Emergenza..le porte si chiudevano in caso di emergenza in maniera automatica,così aveva detto Reed. Quindi doveva esserci stata una qualche emergenza all’interno dell’edificio. Gli allarmi antincendio non avevano mai costituito un problema fino a quel momento,ma allora cosa..?
Una scossa improvvisa la fece urlare mentre scivolava di lato,la stanza che si inclinava. Sentì il pavimento cedere di botto ed il muro di fronte a lei si sgretolò come un cracker. Grazie alla sua prontezza di riflessi,riuscì ad aggrapparsi alla scrivania,inchiodata al suolo e smise di scivolare verso la voragine che si affacciava sopra la ventiduesima strada,intasata da un ingorgo e dai curiosi che avevano tutti alzato lo sguardo sul Baxter Building,in maniera più particolare sul lato dove si trovava lei,il lato che stava cedendo davanti ai loro occhi.
Johnny apparve come una cometa incadescente davanti a lei e si schiantò nel palazzo di fronte.
«Johnny!» urlò lei,sempre tenendo salda la presa sulle sbarre di metallo della scrivania.
Non era passata nemmeno una settimana da quando i suoi poteri l’avevano tradita rovinosamente, facendo scomparire il campo di forza che era andato in frantumi,facendola finire a terra. Reed aveva dato la colpa allo stress,tuttavia non riusciva ancora a sentirsi sicura.
Aveva paura che,se si fosse lasciata scivolare,il campo di forza avrebbe potuto non reggerla,farla cadere.
Reed le aveva ripetuto innumerevoli volte che i suoi poteri erano capacità mentali,al contrario di tutti i loro, non fisiche. Questo implicava il fatto che dipendessero direttamente dalla sua psiche.
Guardò all’indietro dove trecento metri la separavano dal suolo. Sentiva Reed urlare a squarciagola e Ben grugnire dallo sforzo. Di colpo una fiammata di cui Sue ignorava la provenienza le sfiorò le gambe, mancandola per un soffio. Urlò di nuovo. Cercò di respirare con tutta la forza che aveva,ma l’odore di bruciato e la polvere dei calcinacci le provocarono solo una tosse convulsa e roca.
Per l’ennesima volta si guardò indietro e vide Johnny,svenuto, il corpo esanime adagiato su di un cornicione che stava,a poco a poco, scivolando per precipitare verso il suolo.
Senza pensarci un secondo di più,Susan mollò la presa.
L’aria le sferzava il viso ed il pavimento le faceva bruciare la pelle laddove venivano a contatto. Si girò sulla schiena e in un attimo era fuori; rimase sospesa nel vuoto per alcuni istanti, poi, i suoi piedi poggiarono su qualcosa di solido: un campo di forza invisibile; si diresse verso il fratello,prendendolo appena in tempo e voltando l’angolo per dirigersi verso terra.

PARTE 2: AIDEN

Prima che potesse raggiungere il terreno,però, qualcosa di estremamente pesante la colpì con violenza,scalzandola dalla piattaforma e facendola cadere a terra in malo modo. Sue sentì Reed urlarle qualcosa,ma la vista già iniziava ad appannarsi.
Johnny mugugnò qualcosa e si tirò su con i gomiti.
«Johnny..stai bene?» chiese,la voce che le tremava per lo spavento di poco prima.
«Sì..Che botta. Cos’è successo?»
«Non lo so..»
«Attenta!» In un istante Johnny si era lanciato contro la sorella per farla abbassare appena in tempo,perchè qualcosa volteggio sulle loro teste,distruggendo la parete dall’altra parte. A Susan sembrò di aver visto un tronco volteggiare,ma l’ipotesi era così impossibile che la scartò subito. Quando Johnny si ritrasse vide ciò che lo aveva spinto ad agire così in fretta, ciò che li aveva fatti schiantare per ben due volte: una gigantesca e spessa coda squamata era sospesa qualche metro più in là ed era solo la parte terminale di quel che sembrava (Sue ebbe quasi un mancamento) un gigantesco dinosauro. No. Non dinosauro. Assomigliava più a..
«Un drago!» esclamo Johnny ad un tratto.
«Sue!» Reed allungò un braccio nella sua direzione e la spostò rapidamente di lato,mentre la coda del (ancora non ci credeva) drago si schiantava proprio nel punto in cui trovava lei. Sue strillò istintivamente nel momento in cui i suoi piedi si staccarono da terra. Reed la trasse a sè,mentre Johnny,completamente ristabilito, iniziò a volteggiare intorno alla testa dell’animale, dando manforte a Ben che lo colpiva il più duramente possibile.
«Tutto a posto?»
«Credo..credo di sì. Come fermiamo questo bestione?»
«Penso di avere qualcosa di perfetto in laboratorio.»
«Ehm,Reed?»
«Sì?»
«Ti conviene pensare ad un piano B..vedi il laboratorio è,come dire..»
«Sue! Reed! Non è per fare il guastafeste,ma questo bestione non ha intenzione di capire il significato della parola civiltà e..» scartò di lato per evitare i denti aguzzi dell’animale che si chiusero a pochi centimetri dal braccio di Johnny, che vacillò per qualche istante. Gli occhi del drago erano di un giallo ambrato che pareva oro liquido e le sue scaglie erano grigie come il piombo e mandavano bagliori in tutte le direzioni mentre riflettevano la luce del sole.
«Ben!» gridò Reed all’amico, che aveva afferrato la creatura per la coda irta e spessa.
«Cosa c’è Gommolo? Non lo vedi che sono..urgh.. occupato?»
«Vedi il cavo alla tua destra?»
Ben si voltò: uno spesso cavo elettrico,lungo almeno un chilometro oscillava alla sua destra poco sopra la sua testa.
«Sì..»
«Afferralo!»
«Stai scherzando,spero! Non ci tengo a friggermi,Reed!»
«Non corri alcun pericolo,Ben! Sbrigati.»
Ben lasciò andare la coda della bestia ed afferrò il cavo elettrico,mentre Reed si allungò a prendere l’altra estremità. La Cosa capì subito le intenzioni di Mr. Fantastic ed iniziò a correre vicino alle zampe del drago,intento a seguire Johnny. Più volte fu sul punto di stringere i suoi denti bianchi nella carne della Torcia che ebbe l’occasione di vedere il sangue e la carne macilenta di precedenti prede pendere dalla fauci della bestia,la lunga lingua scura che schizzava e l’ampia gola, un gorgo nero come la pece.
Susan era rimasta a terra ed osservava la scena con gli occhi sbarrati,incapace di muovere un muscolo.
Ad un certo punto sia Reed che Ben tirarono il cavo che si strinse attorno alle zampe del drago,unendole e facendolo vacillare in maniera pericolosamente violenta.
Fu un attimo. Uno scintillio catturò l’attenzione della Donna Invisibile al suolo,mentre l’ombra della bestia si allargava nella sua caduta libera. C’era qualcuno lì sotto. Agì d’istinto.Con un balzo fu sotto il drago ed accanto allo sconosciuto.
Solo il campo di forza che aveva generato attorno a loro li protesse dall’essere schiacciati da una massa pari a circa 3 tonnellate o più che si schiantò su di loro.
Sue sentì Reed,Ben e Johnny urlare all’unisono il suo nome.
La pressione esercitata dalla bestia era enorme ed il suo ventre era totalmente schiacciato contro l’asfalto. Le sue ali non si muovevano più e giacevano ai suoi fianchi facendo trasparire solo un filo di luce.
Susan si voltò verso lo sconosciuto: era un ragazzo non più vecchio di lei, i corti capelli castani gli scendevano in movimenti ondulati. Aveva un’ampia ferita sulla fronte,lucida di sangue. Ciò che la colpì di più,però,fu sicuramente il suo abbigliamento: indossava una tunica con ampie maniche,allacciata sul davanti,che ricordava quelle ottocentesche ed un paio di pantaloni spessi,di color nero. Al collo aveva una collana sottile da cui pendeva un anello abbastanza largo tutto d’oro. Sue,cercando di mantenere stabile lo scudo in attesa dell’intervento degli altri membri dei Fantastici Quattro, si avvicinò al giovane.
«Riesci a sentirmi?» disse,prendendo il suo viso tra le mani. Non ricevette risposta. Ascoltò il battito del polso e sbiancò. Il suo cuore era completamente fermo e non stava respirando. «Dannazione.» Si guardò intorno,furiosamente,cercando di ricordare ciò che Reed gli aveva insegnato sulle tecniche di rianimazione «Ok..» disse,respirando forte,mentre iniziava a praticare un massaggio cardiaco al ragazzo,che ancora non accennava a riprendersi. Soffiò forte nella sua bocca riempiendogli i polmoni di ossigeno.
«Coraggio,forza..resta con me,ok? Non lasciarmi..»
Riempì i polmoni del giovane una seconda volta e continuò a praticare il massaggio cardiaco. Dopo alcuni istanti il ragazzo diede un forte colpo di tosse,inalando una grande boccata d’aria «Sììì!! Bravissimo! Continua a respirare..così..» disse Sue,riportandolo in posizione eretta,mentre lui continuava a tossire e socchiudeva gli occhi che si rivelarono essere di un verde così profondo che Sue sentì un brivido correrle lungo la schiena.
«Hey. Guardami..va tutto bene. Stanno per arrivare i soccorsi. Come ti chiami?»
«A..Aiden»
«Aiden,resta sveglio..uhg..»
«Dove..dove mi trovo?»
«Sotto un drago gigante,per la precisione..»
«Chi è lei?»
«Sue Storm,piacere di conoscerti. Argh!»
Il peso era diventato insostenibile. Se Reed e gli altri non si fossero mossi in fretta,pensò Sue, il campo di forza avrebbe ceduto. Lei avrebbe ceduto. E sia di lei che di Aiden sarebbe rimasto poco più che il ricordo. Il naso aveva cominciato a sanguinare. Sentiva colare il sangue sul mento,lento e tiepido.
«Stai..stai male? Sei tu che mi hai salvato?»
«Uhnnn…non preoccuparti. Sto..» prese un profondo respiro,il sudore che le imperlava la fronte. Ma dove diavolo erano finiti gli altri? «..sto bene.»
Mentiva sapendo di mentire. Il sapore del sangue iniziava a darle la nausea e le tremavano le gambe. Ben presto avrebbe perso ogni forza. Il drago era troppo pesante. Ad un tratto la bestia squamata scivolò da un lato,rivelando la luce. Sue cadde in ginocchio,mentre il campo invisibile si dissolveva. Pochi secondi dopo due mani ferme,ma gentili la presero cautamente per le spalle,impedendole di cadere in avanti.
«Susan.»
«R-Reed..»
Reed la sollevò delicatamente,mentre la sua coscienza si affievoliva.
Johnny atterrò con aria sconvolta,mentre guardava il corpo immobile della sorella che Reed stava trasportando.
«è solo svenuta.» disse Reed,come per rispondere ad una tacita domanda che gli era stata rivolta dall’occhiata di Johnny «Ha bisogno di riposare. Come stai?»
«Io bene.. Il drago mi ha solo sfiorato. Ben ha già portato il tipo in sala medica.»
«Molto bene. Controlla se ci sono dei feriti gravi,poi torna a casa,Johnny.»
Il ragazzo annuì e si alzò in volo,il corpo crepitante di fiamme come al solito. Fece un paio di giri sopra il corpo del drago inerme e si diresse qualche metro più in là.
Reed trasportò Susan al piano di sopra e la posò con estrema delicatezza sul suo letto. La ragazza protestò leggermente mentre Reed controllava che non avesse ferite gravi.
«Uhm..Reed?»
«Sono qui Susan. Come ti senti?»
«Stanca morta.. come sta Aiden?»
«Chi?»
«Quel ragazzo. Si chiama Aiden»disse lei,con voce impastata «Non respirava più quando sono arrivata..ho dovuto rianimarlo e..»
«Sono sicuro che stia bene. è in sala medica con Roberta e Johnny. Sicura di star bene? Sembravi sconvolta un paio di minuti fa. Fuori di te..»
«Io..»
«Ancora paura per ciò che è successo due settimane fa?»
Sue non rispose e sospirò. Lui la strinse a sè.
«Pensavo di averti persa,lo sai? Quando ho visto le macerie del laboratorio,io..»
«Sono riuscita a cavarmela,grazie al cielo.» Sorrise.
Anche lui sorrise teneramente,guardandola negli occhi. Quello scambio di sguardi fu bruscamente interrotto dalla voce di Johnny.
«Hey! Heeeey!! Non ti avvicinare,chiaro? Altrimenti rischi di..Hey! Cosa ti ho appena detto? Woah!!!!»
«Resta qui” disse Reed, precipitandosi fuori dalla stanza in un lampo. Johnny volteggiava sul soffitto, inseguito dal giovane sconosciuto per tutta la sala,che impugnava qualcosa. Gli ci volle qualche secondo per realizzare che si trattava di una spada.
«Figlio di Satana! Chi ti manda? Cosa mi hai fatto?»
«Calmati amico! Neanche ti conosco!»
«Ne ho abbastanza delle tue menzogne,demone! Scendi e combatti,vigliacco!»
Reed afferrò il giovane e lo sollevò,allontanandolo da Johnny,prima che quest’ultimo cedesse alla tentazione di farne carne alla brace.
«Calma,calma. Chi sei?»
«Che domanda stupida! Lasciami andare,villano o avrai modo di scoprire ciò che la mia spada può fare a chi mi trattiene!!»
«Ok,ok..Johnny,vieni giù di lì.»
Johnny spense le fiamme che gli ricoprivano il corpo,ma non smise di guardare il ragazzo con sospetto. Reed lasciò andare lo sconosciuto che si avventò come un falco su Johnny che scartò di lato appena in tempo.
«Adesso basta..» disse la Torcia,prendendo fuoco all’istante e voltandosi verso il giovane.
In quel preciso istante, Sue apparve sulla soglia.
«Cosa diavolo sta succedendo?? Johnny! Vieni subito giù dal soffitto!!» i suoi occhi indugiarono sull’uomo che ancora brandiva l’arma,tenendola puntata nella direzione della Torcia Umana.
«Prima convinci lui a non infilzarmi come uno spiedino,Susan.» disse Johnny,furente.
«Aiden?» chiese lei,guardando il giovane
«Sì? Oh..lei.» il ragazzo mise giù la spada e si inchinò.
Reed e Johnny la guardarono con tanto d’occhi,mentre lei si stringeva nelle spalle.
«Alzati,Aiden. E metti giù la spada..a proposito,dove l’hai presa? Non è un oggetto così comune..»
«è mia,signora.»
«Ehm..chiamami Susan. Chi sei? Hai un posto dove stare o..??»
«Sono il principe Aiden,vostra maestà. Sono stato mandato qui per salvarvi.»
«Salvarmi??» Sue era scioccata «Da chi??»
«Da loro!» indicò Johnny e Reed con il dito «Da questi demoni!»
«Aspetta un attimo..chi ti ha mandato qui?»
«Sono stato chiamato,mia signora. Creato per proteggerla e scortarla lontano da qui. La bestia stava per uccidervi e..»
«Il drago?»
«Sì. E spezzerò anche le catene forgiate da questi mostri!»
Con uno scatto felino si scagliò contro Reed,pronto a trafiggerlo con la lama e sarebbe riuscito nel suo intento se Sue non si fosse messa davanti a Mr. Fantastic,le braccia tese in avanti e gli occhi chiusi.
Aiden si arrestò bruscamente e la evitò per un soffio,tagliandole solo una ciocca di capelli.
«Siete impazzita? Questi mostri vi hanno così plagiata da rendervi loro schiava e protettrice?» disse,il suo sguardo esprimeva sincera preoccupazione.
«Sono perfettamente sana di mente! Ascolta,non so se è colpa della forte botta in testa che hai ricevuto, in quel caso ti consiglio il riposo,ma se sei sincero allora ti conviene effettuare al più presto una visita psichiatrica. Siamo nel ventunesimo secolo. La gente non si veste più così dal..uh,dal medioevo,credo. E di certo non è un gesto eroico cercare di fare a fettine le persone..»
Dallo sguardo che Aiden le rivolse,sembrava che la matta fosse davvero Sue.
«Sei la principessa più strana che conosca. Non vuoi essere salvata?»
«Non è che non voglio essere salvata è che non vi è motivo di salvarmi. Non sono in pericolo. E non ti lascerò aprire come un librò nè mio fratello nè l’uomo che amo.»
«Tu ami..oh,ma fammi il piacere! Deve essere di sicuro opera di un incantesimo. Tu dovresti amare me.»
«Io..come osi? Non ti conosco nemmeno!»
«Ma sì! Sì che mi conosci! Tutti mi conoscono.» disse,prendendole le mani «Sono quello che vi abbraccia ogni notte,quello che vi stringe a sè quando piangete fino ad addormentarvi, so che quando siete nervosa,vi torcete una ciocca di capelli tra l’indice ed il pollice, che quando leggete siete così immersa nella lettura da non accorgervi di nient’altro,so che adorate il profumo di rose e di viole e che..»
«Ok,ok..come fai a sapere tutte queste cose su di me? Chi ti manda?Mi hai per caso spiato??»
«No,no..ma sono l’uomo che attendevi da tanto tempo. Sono il principe che è rimasto nei tuoi sogni per tutta la vita. Quello che sognavi la notte,ogni notte.»
Reed e Johnny non potevano credere nè ai loro occhi nè alle loro orecchie e Susan era sbalordita tanto quanto loro,se non di più.
«Hey! Che cosa sta succedendo qui?» disse Ben,che era appena entrato nella camera.
Aiden si voltò di scatto e,come un fulmine,afferrò la spada e si avventò sulla Cosa,già pronta a rispondere,ma fu frenato,per la seconda volta, da Susan che lo tenne per la camicia con tutta la forza che aveva in corpo.
«NO! FER-MO!!»
«Ma questo abominio stava per..»
«Abominio a chi,microbo??» tuonò Ben e Susan fu costretta a mettersi tra i due per dividerli,mentre Reed interveniva per trattenere la furia di Ben.
«Ascolta,lui è mio amico. Lascialo in pace.»
«Come puoi essere amica di un simile mostro? Guardalo! Ti vede come uno spuntino!»
«COME,PREGO?!?» ruggì Ben,mentre Reed usava ogni singola fibra del suo corpo elastico per tenerlo lontano da Aiden.
«Apri bene le orecchie,principe o ranocchio, Benjamin Grimm è la persona più buona che io conosca. Non è affatto un mostro,anzi,tutto il contrario. Non ti azzardare mai,mai più ad offenderlo.»
Aiden non aggiunse altro,ma dal suo sguardo si poteva intuire che la sua opinione su Ben era invariata.
«Sorellina,potevi immaginartelo con un po’ più di senso pratico,almeno» disse Johnny sogghignando.
«Lasciala stare,se non vuoi che te la faccia pagare per tutte le volte che le hai tirato i capelli» disse Aiden,soffiando come un serpente a sonagli.
Susan scosse la testa,mentre Reed lasciava andare Ben sotto promessa di non fare del male al nuovo arrivato. Lo sguardo di Mr Fantastic si incrociò per un istante con quello della Donna Invisibile ed entrambi si diressero verso il laboratorio.
«Hey!» intervenne Aiden,cercando di andargli dietro,seguito a ruota da Johnny e dalla Cosa.
«Dove state andando?»
«A fare due chiacchiere,se non ti spiace.»
«Certo che mi dis..»
Con sorpresa di tutti,Reed si voltò di scatto,a muso duro,trovandosi faccia a faccia con Aiden.
«Ascolta,principe, non mi importa da dove tu venga o per quale motivo tu sia qui. Io e Susan dobbiamo parlare un attimo in privato,lo capisci? Bene.»
E detto questo,salì nell’ascensore con Sue,lasciando il ragazzo a rodersi il fegato.

PARTE 3: DURINDRAGH

«Phew. Meno male che siamo riusciti a levarcelo di torno. Da dove pensi che ne venga?»
«Non lo so,ma..sa molte cose su di te che,beh,che nemmeno io sapevo,a dire il vero.»
«Lo so,ma..io non lo conosco affatto. è possibile che sia davvero un principe e non uno spostato fuori di testa?»
«Dal modo in cui ha assalito Johnny e Ben..direi che di sicuro lui è convinto di essere un principe a tutti gli effetti. Sto ancora analizzando i campioni di squame e di DNA prelevati dal drago..purtroppo il lavoro è rallentato dell’80% a causa della disintegrazione del mio laboratorio da parte di quella bestiaccia.»
«Oh,Reed..» disse lei, abbracciandolo. Lo scienziato ricambiò la stretta,dandole un bacio sulla fronte. «Tutto questo è una vera pazzia,ma..chi potrebbe voler portare in vita un principe azzurro?»
«Non saprei..potrebbe essere frutto di un qualche esperimento o essere sotto il controllo di qualcuno,per quanto ne sappiamo. Cercherò di fare alcune analisi.»
«Va bene,solo..non lasciarmi sola con quel ragazzo. Ha un non so che di inquietante.»
«Non penso che lo avessi immaginato esattamente così,il tuo principe azzurro..»
«Ma il mio principe l’ho già trovato» disse lei,sorridendo come lo stregatto a Reed che scoppiò in una sonora risata,mentre arrivavano sul tetto del Baxter Building.
«Uh..come hai fatto ad impedire che l’edificio crollasse?» chiese Susan ammirando i grattacieli di New York e respirando l’aria fresca della sera.
«Ho usato delle sbarre fatte con lo stesso metallo della porta del laboratorio. Non è stato facile.»
«Cosa? Montare le sbarre?»
«No,lasciarti per qualche ora lì svenuta sul letto. Ero davvero preoccupato per te. Quando sei scomparsa sotto quel drago ho creduto di impazzire. Sono proprio andato in tilt al pensiero che tu potessi essere scomparsa. Ho pensato che ti avesse dato di volta il cervello,sai?»
«Sono stupita dalla stima che ha di me,Dottor Richards!» disse lei sorridendo «A proposito..la porta del tuo laboratorio è sigillata.»
«Lo so..non appena avrò un attimo di tempo, resetterò i pannelli.»
Di colpo un rumore di colpi li fece sobbalzare. Si guardarono l’un l’altro e corsero all’ascensore. Quando arrivarono di sotto, rabbrividirono. Tutto intorno vi era una spessa nube di polvere che li fece tossire; Johnny e Ben erano a terra,privi di sensi e così era Aiden,che non accennava a dare segni di vita.
«Johnny!» urlò Sue,correndo verso il fratello.
«Uh..S-Sue..stai..attenta..» mormorò piano,ma era troppo tardi.
Susan sentì Reed urlare dal dolore dietro di lei e fece appena in tempo a generare un campo di forza attorno a se stessa,evitando di essere colpita da un raggio di pura energia. Si voltò e vide che un uomo piuttosto anziano era in piedi al centro della hall,un ghigno soddisfatto che gli incorniciava il viso. Le ricordava un vecchio stregone,con quella lunga tonica color pervinca addosso e la lunga barba grigia,ma non poteva essere,non..
«Bene,bene,bene» disse lo sconosciuto con una voce stridula «Sei tu la principessa tanto amata dal principe,allora.»
«Ma cosa diavolo..? Non sono una principessa!» urlò «Perchè diamine pensate tutti che io lo sia?»
«Bah! Poco importa la tua stirpe,vostra maestà! Ciò che conta è che Aiden farebbe di tutto pur di riavervi. Voi venite con me!» disse afferrandola per un polso.
«Non credo proprio!» replicò lei,generando un campo di forza che lo mandò lungo disteso. Sue si alzò e lo imprigionò in una bolla invisibile.
Con sua enorme sorpresa, l’uomo scoppiò in una fragorosa risata e la stanza si riempì di una luce così accecante che la Donna Invisibile fu costretta a chiudere gli occhi. In pochi secondi il campo di forza andò in mille pezzi ed una nuvola ambrata si diresse verso di lei.
«Ora dormi, principessa.» disse lo stregone,mentre Sue sentiva svanire il mondo circostante.
Il primo a riprendersi fu Reed che si alzò con estrema lentezza, il suo primo pensiero rivolto a Susan. La cercò con lo sguardo senza trovarla. Corse da Johnny e poi da Ben,controllando il battito. Erano vivi,per fortuna e stavano già riprendendo conoscenza. Aiden si svegliò di scatto e,barcollando,si aggirò per la stanza.
«Oh no.» disse,serio,scrutando ogni centimetro della sala.
«Amico tuo?» chiese Reed,furioso,mettendo il ragazzo contro il muro «Chi era quell’uomo? Cos’ha fatto a Susan??»
«Ugh!!Hey..mettimi giù!»
«Farai meglio a rispondere,principino.» disse Reed,minaccioso.
«Si chiama Durindragh. è uno stregone esperto di magia nera.»
«Come fai a conoscerlo?»
«è lui che mi ha fatto venire qui. Uscire,intendo.»
«Uscire? Uscire da dove?»
«Lo sapevo che era pazzo da legare» intervenne Johnny,tossendo «l’avrà fatto uscire dal manicomio..o dalla galera,fai la tua scelta.»
Reed ignorò il commento di Johnny e tornò a fissare Aiden che si divincolava,cercando di sfuggire alla sua stretta.
«Rispondi»
«Dal libro..»
«Libro? Mi stai dicendo che tu sei il personaggio di un.. libro?»
Aiden fece cenno di sì con la testa «è un romanzo che Susan ha letto più e più volte. Un giorno Durindragh e tutti noi siamo riusciti a prendere vita grazie ad un uomo del vostro mondo,che ci ha raccontato di voi e di lei..della bellissima principessa che viveva intrappolata in un enorme torre,prigioniera di tre terribili belve.»
«Chi era quell’uomo?»
«Non conosco il suo nome. Molti lo chiamano il Creatore. L’ho visto, una volta. è alto e magro,con dei lunghi e sottili baffi neri ed una buffa maschera color viola.»
«Diablo..» mormorò Ben «chissà perchè c’è sempre lui dietro a queste cose malate..»
«Di lui ci occuperemo più tardi. Dove pensi che Durindragh abbia portato Susan?»
«Lui vuole il mio trono. L’avrà portata alla sua torre,nel castello delle Tenebre Antiche.»
«Chissà perchè mi sento che si trova nel tuo libro..»
«Come si intitola?» chiese Johnny, tutto ad un tratto.
«Rescue me»
«Che ironia» commentò Ben,sarcastico.
«So dove si trova» disse Johnny e scomparve, per riapparire con un libro abbastanza spesso,la copertina rigida e dorata che mandava bagliori da tutte le parti dove si poteva leggere a chiare lettere nere «Rescue me»
«Come facciamo a tirarla fuori da lì?»
«è impossibile..questo rompe ogni singola legge matematica e fisica..»
«Reed,amico,capisco il tuo stato di shock e di rifiuto, ma cerca di rimanere lucido il tempo che ci serve per tirare Suzie fuori dal libro,ok?»
«Ascoltate..voi non potete entrare nella storia.» disse Aiden.
«Perchè no? Sue è entrata.»
«Sì,ma è entrata perchè Durindragh le ha fatto un incantesimo. Le persone che non appartengono alla storia non possono entrare,così come i personaggi del romanzo non possono uscire nel mondo esterno se non hanno un qualche legame con esso.»
«Quindi?»
«Io ero legato a Susan,perchè,per un certo periodo della sua vita,lei ha creduto di potermi trovare. Solo questo mi ha permesso di uscire dal romanzo. Se non avessi avuto alcun legame con lei,sarei diventato cenere,proprio come è successo a Dip,il mio scudiero.»
«Ed il drago? E Durindragh? Qual’era il loro legame con il nostro mondo? Non penso che mia sorella si sia mai figurata quel vecchiaccio in carne ed ossa..» disse Johnny,facendo una smorfia.
«Ero io il loro legame. Nella storia, io devo combattere il drago che terrorizza la città e che tiene prigioniera la principessa. E Durindragh,beh,lui mi stava cercando. In fin dei conti,cerca di soffiarmi il trono per tutto il racconto..»
«Ho capito,ma..questo significa che tu puoi rientrare nel racconto?»
Aiden annuì con convinzione.
«La riporterò indietro» disse,afferrando la spada e rimettendola nel fodero appeso alla sua cintura «sana e salva, non temere.» aggiunse,guardando Reed che annuì in senso affermativo mentre apriva il volume al centro della sala. Aiden lo sfiorò con le dita e quello iniziò ad emanare una luce calda e l’ambiente si riempì di suoni indistinti,mentre la mano del principe iniziava a dissolversi all’interno delle pagine e,a poco a poco,svanì anche il suo corpo.
Quando la luce fu scomparsa ed il libro fu tornato alla sua forma originale, Johnny lo richiuse con delicatezza.
«E adesso?» chiese,guardando Reed speranzoso,come se lo scienziato potesse risolvere tutto con un semplice schiocco di dita, che poi,non era quello che faceva sempre quando un’idea geniale gli balzava per il capo e risolveva in maniera brillante tutta la situazione,per quanto intricata potesse essere? Ma quella volta non vi fu nessun’esclamazione di giubilo,nessuno schiocco di dita.
«Non ce ne staremo mica qui con le mani in mano,vero,Reed?» chiese Ben,scrutando l’amico.
«Certo che no.» disse lui,deciso «Andiamo a cercare Diablo.»

PARTE 4: DIABLO

Il ‘covo’ di Diablo,che Johnny non esitò a definite catapecchia, era costituito da una sparuta abitazione su una collina brulla e sterile.
«Neanche un cespuglio rotolante o un coyote che ulula..» disse Ben,mentre si avviavano verso la casetta che,bisogna dirlo,cadeva letteralmente a pezzi,ed era ben lontana dalla cripta che lo aveva ospitato per svariati secoli (e dove,Johnny si premurava sempre di puntualizzare, sarebbe potuto tranquillamente restare per altri innumerevoli millenni) che,messa a confronto con la sua nuova ‘dimora’ era un vero e proprio gioiello.
«State attenti» disse Reed «Potrebbe aver ancora i suoi simpatici scagnozzi alle calcagna..»
«Intendi quei robi magici?» chiese Ben.
«No,quegli esseri razionalmente,scientificamente e biologicamente spiegabili.»
«Qualunque cosa siano,non ci tengo a trovarmeli di nuovo davanti..» disse Johnny con un brivido «L’ultima volta, abbiamo rischiato di brutto di finire a spezzatino..»
Entrarono nella casa,che a prima vista apparve deserta.
«Reed?» disse Ben «sei sicuro di aver fatto tutti i calc..» venne subito zittito da Mr. Fantastic che estrasse un paio di occhialini da un borsina che si era portato dietro. Dopo alcuni secondi fece un salto e si diresse,sparato come un proiettile,verso una parete. Dopo qualche attimo di riflessione,fece un sorrisetto soddisfatto e premette un bottone che,a quanto pareva,solo lui era in grado di vedere. Un botola si aprì con un sordo ‘clack’.
I tre membri dei Fantastici Quattro,seguendo la luce fornita dalla Torcia,scesero giù per la scala per ritrovarsi in un laboratorio di dimensioni epiche colmo di alambicchi fumanti e gorgoglianti, bottiglie con liquidi dei colori più strani e volumi di ogni forma,età e dimensione.
Una voce alle loro spalle gli fece accapponare la pelle per qualche istante « Benvenuti,Fantastici Idioti! Stanchi di vivere?»
«Diablo! Ti abbiamo trovato finalmente..»
«Che cosa siete venuti a fare?»
«Non fare l’innocentino,amico» disse Johnny,indicandolo con fare saccente «lo sai benissimo. Hai mandato un mago fuori come un cocco proprio come te a rapire mia sorella.»
«Non so di cosa tu stia parlando,giovane Storm..» disse l’Alchimista con un ghigno.
«Vediamo se questa ti rinfresca la memoria!» disse la Torcia,lanciandogli una palla infuocata che Diablo deviò abilmente verso un bacile pieno d’acqua.
«Noto con piacere che ancora non vi è chiara la mia potenza..» con un rombo quattro golem,aria,acqua,terra e fuoco, si sollevarono da quattro conche poste ai lati della stanza «..spero che,negli ultimi spasimi,riusciate a realizzarlo. Uccideteli. Uccideteli tutti!»
In un istante le creature demoniache gli furono addosso con tutta la loro furia elementale.
«Johnny! Evita le fiamme! Ben,attento al..» Reed non fece in tempo a finire la frase che l’elementale della Terra lo afferrò con il suo pugno fangoso, costringendolo a ripiegare su stesso. Johnny volava da un lato all’altro,schivando da una parte il Fuoco e dall’altra l’Acqua «Dannazione! Questo coso brucia!» esclamò,quando una fiamma gli arrivò troppo vicino al viso. Ben cercava di abbattere l’elementale della Terra,mentre un tornado impazzito si dirigeva minacciosamente verso di loro,rendendoli praticamente sordi ai loro stessi avvertimenti. Diablo, seduto sul suo scranno,rideva sguaiatamente,beandosi alla vista della disfatta dei tanto odiati Fantastici Quattro.

PARTE 5: RESCUE ME

Aiden arrivò davanti alla torre di Durindragh, una torre nera come il carbone,alta che pareva sfiorare il cielo con la sua sommità e di forma irregolare e sconnessa. Come ben sapeva,quella torre non aveva porte che conducessero all’entrata,ma,nel libro, Aiden usava il drago per arrivare alla finestra che consentiva l’accesso alla camera dove era rinchiusa la principessa. Quella volta,però,non vi era nessun drago a consentirgli l’accesso. Si guardò attorno: non vi era nulla che lo potesse aiutare. Guardò nelle sue tasche e ne estrasse un pugnale. Guardò di nuovo la torre,che,sotto i raggi accecanti del sole, parve oscillare in maniera minacciosa,come a sfidarlo a mettere in atto la folle idea che gli era balzata in testa,come ad invitarlo a girare quella scena fuori copione.
Deciso,afferrò le pietre sporgenti,infilando il pugnale in una delle sottili fessure coperte di muschio e detriti per aiutarsi a sollevarsi un poco.
Il sole era cocente e più di una volta perse la presa e rimase in vita tenendosi al pugnale,saldamente incastrato tra i blocchi di pietra scura.
Non sapeva quanto tempo era passato da quando aveva intrapreso la scalata della torre e nemmeno a quanta distanza si trovasse dal suolo (e,francamente,non aveva intenzione di voltarsi indietro per scoprirlo) quando finalmente,sfinito, raggiunse la finestra che dava sulla camera dove la principessa attendeva il suo valoroso principe.
Sue era distesa su un morbido letto con le coperte rosa confetto ed il baldacchino con le tende del medesimo colore. Portava un bellissimo abito color pervinca ed i suoi capelli erano intrecciati con dei piccoli fiorellini azzurri e le ricadevano in morbidi boccoli sulle spalle. Aiden si fermò a contemplare i suoi lineamenti per qualche istante,pensando a quanto fosse già bella nella realtà ed a come il libro l’avesse resa assolutamente perfetta,proprio come faceva con tutte le altre creature che vi appartenevano,prive di difetti ed immensamente pure. Le si avvicinò piano ed accostò le labbra alle sue,dandole il più dolce dei baci. Quando si separò da lei, aspettò qualche secondo,sicuro che,da un momento all’altro si sarebbe svegliata e gli avrebbe sorriso,poi sarebbero tornati alla sua dimensione,come Aiden aveva promesso a Reed,ma i secondi passavano e lei non accennava a muoversi.Rimase lì, immobile,come una statua di marmo,senza sorridere né aprire gli occhi color del mare. Un fremito d’ansia si insinuò nel petto di Aiden,quando all’improvviso un’altra figura entrò nella stanza,oscurando la luce del sole. Si trattava di Durindragh che sfoggiava lo stesso ghigno denso di perfidia e soddisfazione che aveva mostrato nel rapire Susan all’interno del Baxter Building.
«Non si sveglierà.»
«Cosa stai dicendo,vecchio pazzo?»
«La ragazza non si sveglierà»
«Deve svegliarsi..la storia…»
«Dimentica la storia,Principe Aiden,noi siamo già oltre la storia…»
«Non capisco. La fanciulla può essere svegliata solo dal bacio di un principe..»
«Oh,no,no..non di un principe. Solo del bacio del vero amore. Con Colette funzionava perchè tu sei il suo vero amore,Principe Aiden,ma per questa giovane ovviamente non sei così importante..»
«Perchè? Perchè vuoi farle del male?»
«così vuole il Creatore. Così sarà fatto. Se lei non si sveglia,non puoi uscire,caro principe. Ed inoltre..il tuo trono è appena stato rilevato da me,mio caro. Sono successe tante cose durante la tua assenza,principe Aiden»
Il volto di Aiden era una maschera di odio e rabbia e la sua mano scattò svelta verso l’elsa della spada. Furente si indirizzò verso lo stregone che,con uno schiocco di dita,scomparve lasciando al suo posto un altro cavaliere, l’armatura era non più nera delle pietre della torre stessa e si potevano intravedere due occhi ardenti,in cui guizzava la fiamma della crudeltà e la brama di sangue. Aiden lo conosceva fin troppo bene: era Gairowald, il cavaliere che lo inseguiva in ogni pagina rivendicando il suo cuore palpitante,posto sotto gli ordini diretti di Durindragh, sordo alle urla dei nemici che cadevano uno ad uno sotto la sua lama.
Aiden non provava neanche un briciolo di paura (d’altronde era stato scritto così,impavido e senza timor alcuno)e si accinse ad affrontarlo.
Fu Gairowald il primo ad attaccare e,fortunatamente,il suo affondo andò a vuoto consentendo ad Aiden di contrattaccare in pochissimo tempo.
Il duello infuriava in un testa a testa tra i due cavalieri,abili in egual misura e sarebbe potuto proseguire fino al calar del sole se Aiden non fosse stato distratto da una voce,proveniente da un luogo indefinito,ma che conosceva abbastanza bene.
«Sue!! Sue,se mi senti.. abbiamo bisogno di te,sorellina.»
Ma come non riconoscerla: era la voce di Johnny! Aiden cadde a terra e,in un lampo di lucidità, scattò subito in piedi,scartando di lato Gairowald,che rimase interdetto, afferrò Susan per la mano e sorrise: gli era appena venuto in mente un altro legame che aveva con l’esterno,un legame di cui Durindragh non poteva conoscere l’esistenza.. Il cavaliere nemico si accingeva ad attaccare di nuovo. Aiden chiuse gli occhi e sperò con tutte le sue forze di avere ragione. In un attimo tutto fu buio.

PARTE 6: BACK TO NORMAL

Johnny non poteva credere ai suoi occhi: non appena ebbe finito di pronunciare la frase rivolta al libro aperto,mentre intorno a lui si scatenava l’inferno, quello incominciò a brillare ed emettere boati. Tutto avvenne in un battito di ciglia: un secondo l’angolo dove giaceva il libro era vuoto, quello dopo Aiden e sua sorella erano esattamente di fronte ai suoi occhi.
Quell’attimo di distrazione quasi non gli costò la vita quando l’elementale del fuoco si scagliò a tutta potenza contro la Torcia che lo evitò per un nanosecondo.
Anche Reed aveva notato la presenza di Sue ed Aiden e,liberatosi dalla morsa del golem della Terra,si allungò fino a vedere in viso il giovane.
«Aiden.»
«Reed!» esclamò il ragazzo,che teneva Sue stretta a sè,per evitare che la donna cadesse per terra «Che gioia rivederti!»
«Anche per me. Come sta?»
«Devi baciarla?»
«Come prego? Argh!» strillò Mr. Fantastic, mentre il golem stringeva la presa nel punto in cui si sarebbe dovuta trovare la sua milza,se ce l’avesse avuta. Aiden si guardò intorno per la prima volta ed impallidì.
«Cosa..cosa sono?»
«Diciamo che questi sono..urgh..quelli che tu definiresti demoni.»
«Ma..il creatore! è lui!!»
«Già..scusami un attimo,ragazzo» disse Reed voltandosi per continuare a combattere il golem che non voleva saperne di mollare la presa e prendere al volo Johnny,colpito dall’elementale dell’acqua,evitandogli di schiantarsi contro alcuni alambicchi posti su un ripiano.
«No! Reed!! Non capisci! Torna qui!»
«Spiacente,soldo di cacio» intervenne Ben,cercando di non soccombere all’elementale dell’aria «siamo un po’ impegnati al momento…come puoi notare.»
Aiden si guardò freneticamente attorno. Non conosceva nulla degli elementi lì dentro,ma..
«Johnny!» esclamò ad un tratto
«Sì??»
Il ragazzo gli lanciò la sua spada che la Torcia afferrò al volo.
«Grazie,ma ora non ho tempo per giocare ai cavalieri della tavola rotonda,avrei da fare cose più importanti..come rimanere in vita,ad esempio.»
«Ascoltami bene,quella spada è una spada magica»disse il principe;Reed sbuffò in maniera sarcastica da qualche parte e lo si sentì dire qualcosa come «la magia non esiste» prima di essere di nuovo intrappolato dall’elementale dell’acqua. Aiden continuò,ignorandolo « infrange ogni incantesimo. La uso nel capitolo..»
«Ma certo, il capitolo 12,quando sconfiggi il drago che si scopre essere il tuo fedele scudiero Dip,trasformato da..argh!» esclamò,quando venne sfiorato dall’elementale del fuoco che tentava di colpirlo con le lunge dita incandescenti «E va bene! Proviamoci..» disse,trafiggendo il golem. Quando la spada trapassò le fiamme che formavano il corpo dell’elementale, esso urlò di dolore,emettendo un fischio acuto che si fuse con l’urlo di Diablo,dall’altra parte della stanza «Sciocco ragazzo!»
Johnny sorrise vittorioso,senza smettere di infliggere colpi alla creatura che,dopo pochi secondi si solidificò,andando in mille pezzi che scomparvero in una manciata di attimi. Si diresse verso gli altri elementali, colpendoli con tutta la forza che aveva e vedendoli diventare cenere sotto i suoi occhi. Quando ebbe finito,stremato,si rivolse verso Diablo che lo guardò con aria di sfida,afferrò una boccia da un ripiano e,proprio nel momento in cui Reed,Ben e Johnny si scagliavano verso di lui,la lanciò al suolo dove si infranse, producendo un fumo grigiastro,scomparendo davanti ai loro occhi, con tutto il suo laboratorio.
«Dannazione ci è sfuggito un’altra volta» esclamò Ben,mentre Johnny scendeva a terra,spegnendo le fiamme che ardevano sul suo corpo.
«Bel colpo,Aiden. Non sei poi così un perdente come pensavo”
«Tu..hai letto il libro?”
«Beh..mia sorella me lo leggeva quando vivevamo nel Queens. Speravo di essere un po’ come te da grande,ma poi..beh,essere me è moooolto più figo,devo dire. Mia sorella adorava la tua storia e tutte quelle cose da femmine,ma..devo ammettere che nno mi sarebbe spaiciuto fronteggiare Gairowald,una volta o due..Chissà come diavolo fa Diabolo a scappare,mi chiedo,però.. Reed,cosa..?»
Ma Reed non era al loro fianco. Era corso da Susan,immobile sul pavimento di pietra della cripta.
«Susan..Sue,amore,rispondimi..svegliati,avanti..» Mr. Fantastic si sentiva il cuore in gola,anzi,quasi era fermo.
«Reed» disse Aiden,avvicinandosi «è sotto un incantesimo»
«Cosa?»
«Solo tu puoi svegliarla.»
«E come dovrei fare,di grazia?»
Fu Ben ad intervenire,con un sorrisetto «Oh,andiamo. è una favola. Non mi dirai che non conosci la Bella Addormentata nel Bosco,vero?»
«Oh.» disse Reed, tornando a contemplare Susan. Si avvicinò piano al suo viso e le diede un bacio sulle labbra,esprimendo mentalmente il desiderio che si svegliasse sana e salva.
Quando si separò da lei, non accennava ancora a muoversi. Reed la fissò intensamente,attento a cogliere ogni più piccolo spasimo,ma non avvenne nulla. Sue rimaneva ferma immobile come lo era stata prima che lui la baciasse.
Reed si morse un labbro,incapace di parlare,quasi incapace di respirare. Johnny era come paralizzato e guardava la scena con tanto d’occhi.
Ad un tratto Sue,mosse leggermente la testa,borbottando.
«Mhhh..cosa diavolo..?» disse piano,mentre Reed scattava sull’attenti.
«Susan!»
«Reed? Dove siamo?»
«Nel rifugio di Diablo,è una storia lunga. Come..come ti senti?»
«Riposata» disse lei,sorridendo.
Reed scoppiò a ridere,abbracciandola forte,mentre Sue guarda Johnny,Ben ed Aiden con aria interrogativa,senza capire il motivo di quell’abbraccio,ma i tre si limitarono a sorriderle di rimando.
«Come mai sono vestita così? E cos’è successo ai miei capelli?»
«Diciamo che..hai provato ciò che si prova ad essere davvero una principessa,Susan» disse Aiden,sorridendo.
«Aiden! Sei vivo!»
«Sì,grazie a voi.»
«La cosa è reciproca» disse Reed «l’arguzia di questo ragazzo ci ha salvati tutti. Se potessi solo dare un’occhiatina a quella spada..»
«Reed Richards!» lo rimbrottò Susan,sempre con il sorriso sulle labbra.
«Scherzavo,scherzavo..» si affrettò ad aggiungere lo scienziato.
«Ora devo andare,però» disse Aiden «Un’altra avventura mi aspetta. Duringragh si è impossessato del mio regno ed io devo andare a riprendermelo,facendo la cosa che so fare meglio,nel posto che mi appartiene.»
«Pensi che l’incantesimo durerà?»
Aiden scosse la testa «il libro ha già cambiato forma. Non penso che mi sarà concesso uscire un’altra volta»
«Ma..» disse Sue,torcendosi le mani nervosamente «ci sono ancora tante cose che devi vedere! Posti da visitare..»
«Susan,ho visto più di quel che volessi vedere. è giunto il momento di tornare nel mio regno e tu non puoi venire con me,il tuo posto è qui come il mio è a Reidale. Se avrai bisogno di me,sai dove trovarmi» disse,facendole l’occhiolino ed avviandosi verso il libro. Dopo qualche secondo,la figura di Aiden si fuse con la luce proveniente dal volume e scomparve.
Tra i quattro calò uno strano silenzio,interrotto da Johnny.
«Ah,beh! Almeno ora possiamo tornare a casa..»
Sue si voltò verso Reed e prese le mani nelle sue «Sì» disse «torniamo casa. Ne ho abbastanza di favole e di avventure,per oggi»
Reed le sorrise e salirono la scalinata che conduceva all’sterno,ma,con loro enorme sorpresa, non si trovarono nel mezzo della landa desolata dove erano arrivati,ma nel centro di una foresta in piena notte
«Che diavolo..?!?!?» esclamò Ben «dove siamo finiti?»
Reed controllò un dispositivo che aveva con sè « Transilvania»
«Oh no,no,no,no! Di nuovo! Diablo e la sua cripta maledetta!» si lamentò Ben che si ricordava bene il suo primo incontro con l’Alchimista.
«Questo vuol dire che dobbiamo tornare a casa a piedi???»
«Certo che no,Johnny» disse Reed «La Fantasticar sarà qui in un paio d’ore»
«Il tempo necessario per visitare meglio questo posto,vero Reed? L’ultima nostra visita era stata bruscamente interrotta..» disse Sue.
«Ah,già,già..Questo castello dev’essere di circa fine settecento..»
«Oh andiamo..ma è proprio necessario il tour guidato?» si lagnò Johnny,mentre Ben rideva sotto i baffi.

FINE
(the end)

Standard
Burnt, Storie, Storie a puntate

Burnt: capitolo 4 – Thomas J. Lloyd

Drake si guardò intorno. Era seduto su una seggiola in una poltroncina rossa di velluto, disposta nella sala d’attesa con altre quattro. Di fronte a lui vi era un tavolino sul quale erano appoggiate delle riviste che riguardavano,in particolar modo, concerti e cantanti vari. Alla sua destra vi era un’ampia finestra che avrebbe mostrato un cielo grigio e scuro, se non fosse stata prontamente coperta con delle spesse tende color crema. La stanza era quindi illuminata dalla grandi lampade appese sul soffitto che mandavano una luce tremula e vaga.
Guardò l’orologio. Era passata più di mezz’ora da quando la segretaria di Thomas Lloyd,una signorina che non poteva avere più di una ventina d’anni,l’aveva fatto accomodare in quella stanzetta.
“Il signor Lloyd è impegnato al momento,ha una cliente importante. Sarà libero di parlargli non appena avrà terminato” aveva detto lei,recitando la sua bella formuletta ed indicandogli la sedia. Gli ricordava le voci dei lavoratori al call-center, tanto perfezionate dalla noia e dalla frustrazione da sembrare registrate.
Finalmente la porta dello studio si aprì ed una donna piuttosto alta, sulla quarantina, ne uscì. Drake non potè fare a meno di notarne il singolare abbigliamento: un tailleur color beige, scarpe nere tacco dodici o più ed una grandissima pelliccia sottobraccio. Aveva un’aria piuttosto soddisfatta,un grande sorriso dipindo sulle labbra infuocate dal rossetto. La guardò scettico e si alzò della poltrona,per avvicinarsi alla porta. Bussò gentilmente e gli venne detto di entrare.
Thomas Lloyd era seduto alla scrivania e stava appuntando qualcosa sulla sua filofax. Era un uomo di circa trent’anni i capelli castani erano tagliati corti,ma iniziavano, nonostante la giovane età, a sbiadire alla radice. Portava un paio di occhiali rettangolari, non particolarmente spessi ed indossava un completo nero. Drake notò che era mancino.
“Signor Lloyd?”
“Sì?” disse lui,staccandosi momentaneamente dalla filofax.
“Sono il detective Drake Freeman, della omicidi.”
L’uomo posò la penna e si tolse gli occhiali, osservandolo.
“Qualcosa non va?”
Il tono con cui pose la domanda era pacato,ma iniziava a dare segnali di tensione ai margini. Debole,sfumata,presente.
“Temo di sì. Conosce una certa signorina Iris Crane?”
L’uomo quasi saltò dalla sedia quando Drake pronunciò il nome della giovane.
“Iris? Le è successo qualcosa? è forse nei guai?” chiese,con una punta d’ansia nella voce,ora palpabile.
“è stata ritrovata priva di vita due giorni fa,nel suo appartamento.”
Lloyd si lasciò scivolare lentamente sulla poltrona, posando la schiena sullo schienale e sbarrando gli occhi,osservando il bordo della scrivania. Drake lo guardò per alcuni istanti. Era sconvolto. La sua reazione assomigliava a quella del fratello,durante l’interrogatorio. Dopo un paio di minuti, l’uomo sembrò aver racimolato la forza per parlare e per reagire. Si passò frettolosamente una mano trai capelli per cercare di ricomporsi.
“Signor Lloyd,farebbe meglio a seguirmi in centrale,per un interrogatorio.”
“Come prego?”
“Mi ha sentito. Sul corpo della vittima è stato ritrovato un suo capello.”
“Non capisco..”
“Penso che lei capisca,invece.” disse Drake alzandosi e tirando fuori le manette.
L’uomo andò verso di lui e lo guardò dritto in faccia.
“La seguirò,detective,di mia spontanea volontà.” disse e si avviò verso la porta.

Tre quarti d’ora più tardi,Lloyd era seduto nella sala interrogatori.
“Dov’è Rebecca?”chiese Drake a Luis, che gli si era fatto incontro,ansante.
“Sta arrivando..penso che dovrai fare a meno di lei per questo interrogatorio,però. Il capo vuole parlarle. Non sono qui per questo. Dalla perquisizione nell’appartamento di Lloyd sono emersi alcuni elementi interessanti” fece una pausa per riprendere fiato “abbiamo trovato una camicia ed una giacca insanguinati. Indovina di chi è il sangue?”
“Iris Crane?”
Luis annuì vigorosamente e gli passò alcune fotografie. “Esatto.”
“Questo lo colloca sulla scena del delitto.”
“Direi di sì. Il coltello,però,non è ancora stato ritrovato. Nella cucina è stato rinvenuto un mazzo di fiori ed un biglietto che riporta la data dell’omicidio di Iris. Abbiamo anche ottenuto un mandato per controllare il contenuto del suo cellulare.”
“Ottimo lavoro. Ora vado a sentire cos’ha da dirci il nostro carissimo produttore..” e,così dicendo,entrò nella stanza.
Si sedette di fronte all’uomo che lo guardava con uno sguardo piuttosto vago.
“Signor Lloyd,apprezzo che non abbia voluto far uso del suo avvocato,almeno per ora. Prima che dica qualcosa,la devo avvertire che,sotto mandato,abbiamo perquisito la sua abitazione ed abbiamo ritrovato questa giacca” disse,mostrandogli la fotografia che ritraeva una giacca bianca con delle macchia nerastre sul davanti. “Da un esame più accurato, ne è emerso che questo sangue appartiene alla vittima,Iris Crane. La sua posizione è piuttosto grave,penso che lei lo sappia.”
“Non sono stato io.”
“Come ci è finito quel sangue sulla sua giacca?”
“Non mi crederebbe.”
“Mi metta alla prova. Per ora,credo che lei sia colpevole di omicidio,quindi sarebbe suo interesse almeno tentare di farmi cambiare opinione,non trova? Allora,come conosceva la vittima?”
L’uomo sospirò. Tremava leggermente ed aveva gli occhi arrossati. Quando parlò,la sua voce risultò malferma ed incerta.
“Io ed Iris ci siamo conosciuti una sera,al night club “Stella d’Oriente” circa un anno fa. Ero lì per rilassarmi,lei lavorava come cantante. Mi colpì per il suo talento ed iniziammo a frequentarci regolarmente.”
“Avevate una relazione?”
“Sì,se così si può dire. Le cose erano complicate.”
“Si spieghi meglio.”
“Suo fratello faceva di tutto per costringere Iris a smetterla di vedermi. Iris mi aveva spiegato che è un uomo disturbato. Negli ultimi tempi, era diventato ancora più morboso ed assillante. Iris non ce la faceva più. Era come vivere in una prigione. Si trasferì da me per un paio di settimane circa tre mesi fa,ma lui la trovò e la costrinse a tornare a casa sotto minacce.”
“La minacciò fisicamente?”
“No,fece di peggio.”
“Cosa fece?”
“La sottoponeva ad una tortura psicologica continua. Minacciava di smettere di prendere i suoi stupidi farmaci e di suicidarsi o fare di peggio. La faceva sentire in colpa come un cane. Alla fine,smettemmo di vederci.”
“Lei non ha retto il rifiuto,signor Lloyd? è per questo che l’ha uccisa?”
“No! è assurdo pensare una cosa del genere! Non avrei mai potuto ucciderla..io..io l’amavo. Me ne sono reso conto troppo tardi,purtroppo.”
“Cos’è successo esattamente?”
“Lei non capirà mai,tanto.”
Drake lo guardò di traverso.
“Apra bene le orecchie,non mi ripeterò due volte: lei afferma di amare Iris e di essere innocente, se questo corrisponde alla verità lei ha il dovere di dirmi tutto quello che è successo quel giorno,dalla A alla Z, e tutti gli elementi che possono rivelarsi utili al proseguimento delle indagini. Non è più una sua scelta. Ha il suo sangue sulla giacca e sulle mani,è una macchia indelebile,Thomas. Non la cancellerà così facilmente,non basta l’acqua,serve altro sangue,altra sofferenza da parte sua. Se amava Iris, se davvero vuole fare qualcosa,ci dica la verità.”
L’uomo stette in silenzio per una decina di minuti,poi,preso un grosso respiro,ricominciò.
“Iris mi contattò un paio di settimane dopo aver lasciato il mio appartamento. Mi disse che era incinta e che il bambino era mio.” sospirò “Lei era contenta,ma io ne fui terrorizzato. Le dissi che non ne volevo assolutamente sapere e che non poteva essere vero.Pensavo solo che avrebbe compromesso la mia carriera. Il mio unico pensiero era il mio tornaconto,la mia reputazione. Se solo ci ripenso! Lei riusciva a vedere in quella situazione anche un modo per sfuggire dalla tutela di William e vivere felice con me,ma io non riuscivo a capirlo. Non ci parlammo per due mesi. Lei ricominciò a lavorare al club. Tre giorni fa ho iniziato a riflettere e l’ho chiamata. Le ho detto che ero stato un idiota, che l’amavo. Anche lei mi amava. Ci demmo appuntamento a casa sua,calcolammo i tempi per accertarsi che William sarebbe stato fuori casa. Io.. andai per chiederle di sposarmi,ma quando arrivai lei..lei era..”
“Morta?”
Thomas annuì piano.
“Era tutta sporca di sangue e respirava appena. Stavo per chiamare il 911,ma il suo cuore non ha fatto in tempo. Non sapevo cosa fare. Ero nel panico,ma non potevo lasciarla lì così..trafitta a quel modo,gli occhi sbarrati.” gli occhi di Thomas erano arrossati,umidi di lacrime.
“Quindi l’ha spostata sul letto,le ha chiuso gli occhi e l’ha coperta.”
“Sembrava stesse dormendo.”
“Lei ha agito da perfetto idiota incosciente.”
“Sarò anche un idiota incosciente,non lo nego,ma non sono un assassino.”
“Questo è ancora da chiarire. Per ora,nessuna prova smentisce la sua deposizione,ma non porta nessun elemento a suo favore. La tratterremo con l’accusa di omissione di soccorso ed inquinamento della scena del crimine.Le farò sapere in seguito.”disse Drake,mentre Carl lo ammanettava e lo scortava fuori dalla stanza.
Drake si massaggiò le tempie e si recò in caffetteria. Prese un’aspirina e la guardò sciogliersi piano nel bicchiere d’acqua,frizzando e schiumando leggermente. La mandò giù in un sorso.
“Finirai a pancia all’aria” disse Rebecca alle sue spalle,mentre si versava una tazza di caffè.
Indossava un maglione di lana bianco e celeste che le cadeva morbido sui fianchi, un paio di jeans e degli stivali neri al ginocchio,i lunghi capelli castano chiari erano raccolti in una treccia che le ricadeva sulle spalle.
“Dove sei stata?”
“Il tuo capo, il signor Ryan,voleva parlarmi in privato.. gli piacerebbe iniziare una collaborazione fissa tra il mio studio e la centrale.”
“Tu hai rifiutato,non è vero?”
“Non ancora..per ora ho deciso di fare un periodo di prova. Com’è andata con Lloyd?”
“A parte il fatto che ha inquinato le prove senza saperlo,non malissimo. Non credo che sia lui l’assassino. Dovrò riparlare con William,però.”
“Ah,sì? A che proposito?”
“A sentire Lloyd, esercitava una pressione psicologica non indifferente sulla sorella. Non gli andava a genio che ella fosse indipendente.”
“Riconfermi la teoria della fuga da casa?”
“Solo se Crane sapeva che la sorella aspettava un bambino da Lloyd. Di certo non era più preoccupato che lei se ne andasse,perchè quando lei aveva avvisato Thomas della gravidanza, lui aveva smesso di vederla. Si erano sentiti di nuovo tre giorni fa,quando il nostro damerino era tornato sui suoi passi.”
Rebecca non aggiunse altro,limitandosi a sorseggiare il caffè che aveva nella tazza. Lo osservò per qualche istante e poi disse “Forse faresti meglio ad andare a casa a riposare.”
“Ho un aspetto così brutto,oggi?”
“Parecchio. Ora devo andare.”
“Dove vai?”
“Da Celia.”
“Vuoi un passaggio?”
“Uhm..perchè no. Mi farebbe comodo. Promettimi,però,che andrai dritto a dormire dopo. Sei a pezzi.”
“Come già detto,se tu ti decidessi a dirmi cos’hai deciso..”
“Ancora sono in bilico. Dipende tutto da te,Drake.” disse lei,afferrando la giacca dall’appendiabiti.
Drake la seguì verso l’uscita.

Standard
Burnt, Storie, Storie a puntate

Burnt: terzo capitolo – Fatti

“Hai l’aria di un uomo col cuore infranto.”
“Non sapevo che lavorare in obitorio ti messe dell’umore adatto a far filosofia,David.”
Il medico lo guardò con sguardo severo,gli occhi azzurro ghiaccio puntati dritti dritti su quelli grigio fumo di Drake,appoggiato con una mano alla mensola di acciaio che riluceva contro la lampada al neon.
“Scusa,David. Non è il periodo migliore.”
“Non lo è mai. Se esaminassi il tuo stomaco adesso troverei solo acido e bile,suppongo.Rebecca?”
Drake non rispose e si avvicinò al tavolo dove la ragazza giaceva,priva di vita. “è risultato qualcosa di nuovo?”
“Eccome. Da dove vuoi che cominci?”
“Fai un po’ te.”
“Partiamo da ciò che è ordinario. Come già sai è morta dissanguata. Due ferite principali all’addome. Presenta molte abrasioni su braccia,mani e collo. Alcune ossa sono state spezzate.” disse indicando le braccia ed i polsi della ragazza “Il cranio è stato sbattuto con violenza contro un oggetto appuntito,ma, a parte un lieve trauma,non vi è altro. Sotto le unghie ho trovato dei residui di pelle,sangue ed un’altra sostanza.”
“L’hai mandata al..?”
“Sì” lo interruppe David “Luis la sta già analizzando. Ho controllato anche il cuoio capelluto. Non vi sono ferite di alcun genere,tranne quella che ti ho già fatto notare. Ora,passiamo a qualcosa di meno comune.”
Drake lo guardò per qualche istante,incuriosito, per poi tornare a guardare il corpo della giovane. Il medico riprese,scostando il lenzuolo “Viso o ventre?”
“Come?”
“Scegli.”
“Se è un modo innovativo che hai trovato per passare il tempo,David,lo trovo alquanto macabro. Viso,comunque.”
“Perfetto” disse il patologo,ricambiando lo sguardo torvo del detective, ” sulle guance ho trovato qualcosa.”
“Blush?”
“Che spirito. Ci sei andato vicino,però. Lacrime”
“Le righe nere che aveva sotto agli occhi erano semplici lacrime?”
“Mischiate con il cosmetico che aveva sulle ciglia e sulle palpebre. Luis saprà fornirti maggiori dettagli,anche sul sangue rinvenuto sulla guancia sinistra. Per quanto riguarda il ventre, è il luogo dove sono localizzate le ferite più gravi ed ampie.,ma non solo.Questa giovane donna era incinta,Drake.”
“di quanto?”
“Un paio di mesi.”
“Cristo.” commentò Drake,mordendosi un labbro.
“Esattamente ciò che ho detto io.”
“C’è altro?”
“Il referto del contenuto del suo stomaco. Ho trovato parecchie sostanze che non ci sarebbero dovute essere,tra queste anche  una lieve dose di stricnina,sebbene non fosse sufficiente a causarne il decesso.”
“Credi che sia possibile che qualcuno stesse cercando di ucciderla?”
“Niente di più probabile. La stricnina è altamente tossica,però. Se qualcuno avesse davvero voluto ucciderla con quella, gli sarebbe bastato un niente. Non ho nient’altro per ora.”
“Perfetto.. vado a cercare Rebecca.”
“Passa prima da Luis,sta uscendo matto per trovarti,giù di sotto.”
“Va bene..”
“Ah,Drake.” disse David, coprendo il corpo sul tavolino “com’è andata poi con..?”
“Lasciamo perdere,David.” “Ha detto no?”
“Non ha detto niente. Ci deve pensare.”
David lo guardò e scosse il capo. “Esatto.. ora vado,fammi sapere se trovi qualcos’altro,ok?”
“Certo.”
Drake si avviò per il corridoio silenzioso,diretto verso i laboratori della scientifica,immerso nei suoi pensieri. Quasi finì addosso a Luis, che percorreva lo stesso tratto. “Drake!” lo salutò il collega. Aveva una cartellina bianca nella mano destra e portava un camice bianco che lo faceva apparire non diverso da David, lì per lì.
“Ciao,Luis. David mi ha detto che mi stavi cercando. Credevo che fossi nel tuo piccolo buco da topo di laboratorio..” “Simpaaatico. Stavo venendo a cercare proprio te,in effetti. Ho delle novità interessanti sulla ragazza dell’appartamento.” “Raccontamelo mentre andiamo nel mio ufficio..” disse Drake,riprendendo a camminare,le mani ficcate nelle tasche dei blue jeans.
“Dunque..le macchie di sangue sulla guancia: come sai vi era una macchia di sangue abbastanza estesa sul lato nascosto del viso,quello coperto dai capelli.” passò una fotografia a Drake “vedi quei piccoli segni vagamente circolari disposti in maniera disordinata?”
Drake annuì
“In quei punti il sangue è stato diluito. è presente, ma in concentrazione minore. Alcuni segni presentano delle sbavature leggere e la macchia si protrae verso il basso,come vernice fresca. Sia quel che sia,il liquido era fresco ed è scivolato lentamente sul volto della vittima,ma,quando è successo, il sangue stava già raggrumandosi.”
“Quindi la vittima era già ferita e sanguinante,quando è accaduto”
“Esatto. Nel cuoio capelluto della vittima non sono state rinvenute tracce di sostanze stupefacenti, anche se,a giudicare dai capelli, non era nello stato di salute migliore del  mondo.. Le righe di mascara sotto gli occhi e le guance non presentano segni particolari,si tratta di un cosmetico di uso comune. Molto più interessante è ciò che ho trovato sotto le unghie e sui vestiti.”
“Vai avanti.”
“Sotto le unghie della ragazza non vi erano tracce di DNA esterni sufficienti,sebbene fosse presente una modesta quantità di sangue che apparteneva alla vittima. Sui vestiti invece..ho trovato un capello corto e bruno che non appartiene né a lei né al fratello. Sto ancora cercando di identificarlo. Ti farò sapere non appena avrò i risultati.”
“Bravissimo,Luis.” disse Drake,restituendo all’uomo la fotografia. Rebecca era di fronte al suo ufficio assieme a Carl e stavano discutendo pacatamente. Nessuna traccia del sospettato.
“Reb!”
“Oh,ciao! Luis,che piacere rivederti!”
“Anche per me,Rebecca. Stavo informando Drake sulle ultime novità. Devo scappare,il dovere mi chiama,ora. Carl? Perchè non vieni in laboratorio con me?”
“Uh..sì,sì. Meglio se ti do una mano con quelle analisi.. a presto,Rebecca.”
“A presto,Carl. Buona fortuna con quei test.” disse lei sorridendo. Poi si rivolse a Drake che entrò nell’ufficio e si sedette in poltrona. Lei fece lo stesso,dall’altra parte della scrivania.
“Allora..com’è andata?”
“Malissimo. Mi toccherà farmi un altro giretto con l’adorato fratellino..”
“Non credo sia possibile,Drake.”
“Come sarebbe a dire che non è possibile?”
“Crane è stato rilasciato,come avevi detto, ed ha già provveduto a chiamare un avvocato.”
“Per essere un uomo instabile sa giocare piuttosto bene..”
“Non credo che abbia fatto tutto da solo. Ha un cugino in Louisiana, Noran, che è appena arrivato.”
“Come lo sai?”
“è lui che è venuto a prenderlo in centrale. Ho scoperto anche un’altra cosa.”
“Questa dev’essere la mia giornata di buona. Siete tutti a darmi informazioni gratuite. Dimmi tutto.”
“Crane potrebbe anche non ricordarsi bene tutto ciò che è successo. A giudicare dalla lista dei farmaci che prende, la sua memoria potrebbe aver subito delle piccole amnesie. Il suo psicologo, il dottor Fennon, è un mio caro amico, e mi ha assicurato che William è un paziente che non ha mai dato segni di una patologia che lo spingesse alla violenza,ma anche che ,nell’ultimo periodo,manifestava un’avversione per il fidanzato di sua sorella. Lo dipingeva come” Rebecca aprì il taccuino che aveva in mano e lesse ” ‘ un individuo vile,scialbo e gretto, interessato solo al dio denaro, una persona cattiva ed invadente che altro scopo non ha tranne quello di allontanare Iris dalle mie amorevoli cure fraterne.’ ”
Drake la guardò, posando la schiena sullo schienale della poltrona.
“Sembra che a Crane la sorella stesse un po’ troppo a cuore.”
“C’è dell’altro. Iris aveva avuto anche un’altra relazione,ma il giudizio di William su questa era stato abbastanza diverso. Difatti,dalle sue dichiarazioni si legge che egli era ‘un uomo triste,la cui unica felicità e speranza risiedeva in Iris,che lo rispettava,temendolo ed adorandolo. Ella è triste e sconsolata,ma rimane nel nido,dove mi è possibile aiutarla.‘”
“Quest’uomo è davvero malato,Reb. Tuttavia,sebbene le sue descrizioni siano evidentemente di parte, ci ha fornito un dettaglio importante sulle relazioni interpersonali della sorella: entrambe erano con uomini che l’hanno  resa infelice. La prima,addirittura, viene vista da William come qualcosa di malato,mentre la seconda era,per lui, un minaccia.”
“Lo so cosa stai pensando: che William sia colpevole. Io penso che non sia così,però. Hai visto come si è commosso alla vista della sorella.”
“Tu stessa hai detto che potrebbe non ricordarsi alcuni avvenimenti,Reb. Hai visto cosa pensava del recente comportamento della sorella.”
“Lo so,ma non era con la sorella che ce l’aveva a morte,Drake. Bensì con i suoi amanti. Perchè uccidere lei? Perchè non loro?” “Magari lei gli ha detto che voleva andarsene da casa sua e scappare con uno dei due. Lui non ha retto la cosa e ha reagito d’istinto.”
“Sei coltellate sono istintive?”
“Alcuni killer non riescono a fermare la furia omicida e,nella foga, si accaniscono in maniera crudele sul corpo della vittima.” Rebecca lo guardò senza aggiungere altro,le mani in grembo. Drake la guardò,nella luce delle lampade del corridoio della centrale. Non gli era mai apparsa così bella e pura come in quel momento.
“Reb,cambiando discorso..”
“Non torniamo su quelli vecchi,per favore.”
“Ma..! Ancora non mi ha saputo dare una risposta.”
“Quando sarò nelle condizioni psicologiche per fornirtela senza pentirmene,te lo dirò, Non cercare di forzarmi o di raggirarmi. Non sono uno dei tuoi mille sospettati,Drake.”
“Lo so,questo. Non riesco a capacitarmene,però. Non vedo perchè dovresti pentirtene.”
“è semplice,perchè..”
Rebecca si interruppe di botto non appena bussarono alla porta. “Drake,è permesso?” La voce di Luis arrivava forte e chiara dalla porta chiusa.
“No,Luis. Vai a farti un giro” rispose il detective,che ancora stava sulla corda per la frase di Rebecca che,per tutta risposta, gli lanciò un’occhiata torva.
“Entra pure!” disse all’uomo  che,titubante, entrò nell’ufficio.
“Detesto interrompere,ma..” Drake alzò gli occhi al cielo,mentre,con un gesto della mano,gli diceva di proseguire “ho i risultati dell’analisi sul capello ritrovato sui vestiti della vittima. Non ci crederete mai.”
“Diccelo senza tante cerimonie,Luis.” gli disse Drake,una nota d’irritazione nella voce.
“Appartiene a Thomas J. Lloyd.”
“Il famoso produttore discografico?”
“Proprio lui.”
“Questo caso va di male in peggio.” commentò Drake,abbandonandosi sulla poltrona.

Standard
Burnt, Storie, Storie a puntate

Burnt: capitolo 2 – Primi passi

William Crane era un uomo che ben si sarebbe adattato alla tipica definizione di normale. Era di corporatura e di altezza media senza nessun segno particolare. Capelli castani ed occhi color nocciola,un po’ di barba incolta.
Era seduto nella sala degli interrogatori,lo sguardo fisso sullo specchio unidirezionale che aveva davanti a sé,le mani giunte,i gomiti sul freddo tavolo d’acciaio. Di tanto in tanto faceva girare i pollici,ma si calmava quasi subito.
Dall’altra parte di quello specchio, Drake lo guardava senza mai staccargli gli occhi di dosso,mentre Rebecca rileggeva il file che riguardava la sua insanità mentale per l’ennesima volta.
“Ammettilo” disse il detective,rivolgendosi alla giovane psichiatra “lo stai facendo solo per farmela pagare.”
“Come scusa?” chiese la donna,alzando il naso dal plico di fogli e guardandolo al di sopra dei piccoli occhialetti quadrati. Si spostò i lunghi capelli ramati dal viso con un gesto secco della mano.
“Mi stai facendo perdere tempo prezioso,solo per quello che è successo l’altra sera,non è così?” chiese Drake,voltandosi a guardarla.
“Drake..non essere assurdo.” disse lei “Il mondo non gira sempre intorno a te,lo sai? Voglio studiarmi bene il caso.”
“Cosa potrai mai capire da un fascicoletto..”
“Molto più di quanto potrei capire parlando con te. Credo,comunque, di averlo inquadrato.”
“Grandioso. Io l’ho inquadrato da circa un’ora. Ora andiamo.”
“Fermo,fermo,fermo. Aspetta. Lascia parlare me là dentro.”
Drake la guardò di traverso.
“Come prego?”
“Mi hai sentita. è un individuo instabile.”
“Perchè diavolo pensate che tutti che io sia una belva feroce? Me lo volete spiegare? So anche essere un essere civile!”
“Non sei affatto paziente,Drake. Prendi fuoco in un nanosecondo.”
“Mi prendi per i fondelli,Reb?”
“Certo che no.  Cuciti la bocca.” disse lei,prendendo la via  della porta ed entrando nella sala interrogatori. Drake la seguì a ruota,borbottando parole incomprensibili.
Quando entrarono, William scattò in piedi.
“Si sieda pure, signor Crane.” disse Rebecca,facendo un lieve gesto con la mano e sedendosi anche lei. Drake rimase in piedi accanto alla porta.
“Lui non si siede?” chiese allora l’uomo,indicando il detective che lo fissava cupo dall’altra parte della sala.
Rebecca fulminò Drake con lo sguardo per poi tornare a rivolgersi al sospettato che si torceva nervosamente le mani “Si siederà anche lui,non si preoccupi. Io mi chiamo Rebecca Johnson e quell’uomo laggiù è il detective Drake Freeman,della omicidi.”
“Siete incaricati di indagare su mia sorella?”
Rebecca annuì. “Signor Crane so che per lei non deve essere facile parlare dell’argomento,ma..”
Drake si avvicinò al tavolo e si sedette di fronte a William che lo guardò con occhi mesti.
“Signor Crane” intervenne l’uomo, gli occhi di Rebecca che lanciavano scintille da ogni angolo “lei voleva bene a sua sorella,suppongo.”
William annuì con brevi movimenti del capo.
“Perfetto. Se è davvero così, ha il dovere di dirci tutto ciò che sa riguardo al suo assassinio. Non avrà molte altre occasioni di rivelarci ciò che sa. La sua chance è qui e ora.”
L’uomo iniziò a girarsi le mani più velocemente e piccole gocce di sudore gli imperlavano la fronte, mentre rispondeva di nuovo positivamente,stavolta più per sé stesso che per il detective.
Freeman tirò fuori alcune fotografie dalla tasca interna della giacca e le posò sul tavolo, disponendole in modo che fossero tutte ben visibili. Ritraevano il corpo senza vita della giovane così come era stato ritrovato,con alcuni ingrandimenti delle ferite e del volto. Grandi lacrime inondarono gli occhi di William che tentò di scacciarle con il dorso della mano.
Il tono di voce dell’agente si fece leggermente più morbido “Queste sono state scattate circa quattro ore fa. Lei sostiene di aver sollevato la coperta,averla trovata così e di aver chiamato il 911. è esatto?”
Crane annuì di nuovo. Le guance erano rigate dalle lacrime.
“Cos’è successo prima? Da quando si è alzato questa mattina al ritrovamento del corpo”
L’uomo deglutì.
“Mi sono svegliato..come tutte le mattine..” si asciugò le lacrime ” saranno state lei sei,credo. Iris era appena rientrata. Mi ha detto che era stanca e che andava subito a letto. Ho preso le mie medicine ed ho iniziato a sistemare la casa. Sono uscito all’una e un quarto per andare al lavoro”
“Dove lavora?”
“Al supermercato dietro l’angolo.”
“Quanto tempo ci vuole a raggiungere il supermercato da casa sua,signor Crane?”
“Cinque,dieci minuti al massimo.”
“Prosegua”
“Sono rientrato verso le sette. Quando l’ho vista sul letto io..io non credevo che lei fosse..” si dovette di nuovo fermare.
Rebecca intervenne “Si prenda una pausa,signor Crane, faccia un respiro profondo. Non c’è fretta.”
William la guardò come se stesse cercando un appiglio morale e prese un profondo respiro,tentando di calmarsi. Le mani gli tremavano in maniera incontrollabile.
“Lo so che pensate che l’abbia uccisa io,ma non è vero. Sono innocente. Non avrei mai potuto farle del male. Mai.”
“Sua sorella usciva con qualcuno? Qualche amico,conoscente.. Aveva programmi per oggi?”
“Non che io sappia. C’era però qualcuno con cui usciva. Scommetto..scommetto che è stato lui. Dev’essere stato lui ad ucciderla. Lui non la amava,non le voleva bene. La stava facendo soffrire… l’aveva fatta allontanare da me.” nel tono di voce dell’uomo comparve una nota di rabbia e strinse forte i pugni.
“Chi?”
William sembrò non sentire la domanda di Drake “Solo perchè era una persona importante credeva di poter disporre di tutto e tutti a suo piacimento. Ha riempito la tesa di mia sorella di frottole,di sogni,di promesse. Poi l’ha abbandonata,come una bambola vecchia. L’ha fatta piangere tanto. Ha sempre mentito..lei non mi credeva… l’aveva corrotta,quel maledetto. Le aveva detto tante e tali cattiverie che lei mi temeva,mi evitava. Poi,tornò a casa..era tutto finito. Piangeva. Soffriva…” gli occhi dell’uomo erano spenti,la voce si era fatta più flebile,quasi come se stesse parlando con sé stesso e non con le persone che aveva davanti.
“Lei ha voluto mettere fine alle sue sofferenze,signor Crane?”
“NO! No.. come..come può pensare una cosa del genere? Non avrei mai potuto uccidere mia sorella.”
“Con chi si vedeva Iris?”
William tacque,guardandosi le mani. Drake guardò Rebecca con aria interrogativa e la psichiatra gli indicò la porta. Si alzarono,lasciando solo il sospettato.
“Beh?” chiese Drake una volta usciti.
“è in uno stato di rifiuto. Non penso che riuscirai a tirargli fuori nient’altro, per ora.”
“Magnifico. Davvero magnifico. Possiamo trattenerlo per sole 48 ore..”
“Cerca anche un po’ di capire. Ha appena perso la sorella,Drake. è in uno stato di profonda crisi.”
“Tu pensala un po’ come vuoi,ma per ora, malato o sano che sia,tutte le tracce portano a lui.”
“Non hai niente per dimostrare la sua colpevolezza.”
“Ma neanche per provare la sua innocenza.”
“Dal suo modo di reagire,sembrava dire la verità.”
“Tutti gli assassini sembrano dire la verità,Reb. Se ogni omicida che interrogo mi dicesse ‘Sì,sono stato io’ subito appena entra,senza neanche provare ad inventarsi una balla, sarei in vacanza cinque giorni su sette.”
Rebecca si mise una mano sul fianco e lo guardò con aria di rimprovero.
“Senti,non guardarmi così. Parte di questo malumore  è anche colpa tua.”
“Bravo,scarica la colpa sulla psichiatra indifesa.”
“Reb,tu sei tutto,credimi,tranne che indifesa. Potevi almeno rispondere al cellulare.”
“Magari non mi andava di risponderti. Non corro ad ogni schiocco di dita,specie dopo il modo in cui ti sei comportato.”
“Come mi sarei dovuto comportare?”
“Non so..come un uomo adulto,forse?”
Drake sollevò le mani in aria in segno di resa e si avviò verso il suo ufficio.
“Cosa fai? Lo lasci lì in sala interrogatori da solo?”
“Chiama Carl,visto che sei tanto preoccupata..lo farà rilasciare,per il momento. Io vado da David,non sia mai che abbia qualche importante novità sul cadavere.”

Standard
Burnt, Storie, Storie a puntate

Burnt: capitolo 1- Police line do not cross

Quando Drake arrivò sul posto erano le undici di sera passate e la tredicesima strada brulicava di agenti indaffarati.
Mostrò il distintivo e si fece largo tra la moltitudine di giubbotti neri che recavano la scritta “POLICE” per raggiungere il cuore palpitante di quel brulichio, laddove i poliziotti si diradavano ed entrava in campo la omicidi.
Venne indirizzato verso la camera da letto che,dalle prime analisi,risultava essere stata la scena del crimine.
Si massaggiò le tempie: non riusciva a sopportare la troppa confusione. Si segnò mentalmente di tirare le orecchie al suo assistente,Carl Kayton, per aver permesso alla polizia di infilare il naso ovunque.
Il patologo,David Seymur,si trovava poco lontano dal corpo e stava già annotando i primi dati riguardanti il decesso.
Passò oltre ed osservò il letto dove giaceva la vittima. Si trattava di una donna caucasica,non doveva avere più di una ventina d’anni. Era sdraiata sul fianco destro,le gambe erano rannicchiate in posizione fetale,ma il braccio destro era disteso verso l’alto,sotto il cranio,mentre il sinistro era piegato e la mano ricadeva sul ventre dove si intravedeva una grande macchia di sangue rappreso. Gli occhi erano chiusi ed i lunghi capelli biondi le ricadevano morbidamente sul volto,mentre una coperta,che evidentemente era stata spostata,giaceva abbandonata nell’incavo delle gambe. Sembrava dormisse.
Guardò la stanza dove si trovava. Era abbastanza ampia,con un armadio spazioso da un lato ed il grande letto che occupava la parte centrale. Sul pavimento vi erano numerose tracce di sangue.
Si avvicinò a Seymur e gli toccò piano la spalla. Il medico si voltò verso di lui.
“David.”
“Drake. Ce ne hai messo di tempo.”
L’uomo si limitò ad alzare le spalle ed ad accennare al corpo con un lieve cenno del capo “Cosa mi sai dire di lei?”
“Iris Crane. Ventidue anni. La causa del decesso è stata la ferita inflittale all’addome..è morta dissanguata,ferita a morte con un coltellaccio da cucina. L’ora del decesso risale all’incirca alle tre del pomeriggio,dev’essere morta in circa una trentina di minuti.” Drake sollevò un sopracciglio “Il fratello della vittima dice di non essersene accorto prima delle dieci di sera. Pensava stesse dormendo. Era avvolta in quella coperta.” disse, indicando con la biro nera che aveva in mano il tessuto accanto al cadavere.
“Il cadavere è stato spostato?”
Il medico legale annuì e tornò ad indicare gli angoli della stanza. “Quella macchia di sangue sul muro lascia intendere che quello sia stato il punto dove la vittima è stata accoltellata con più ferocia. Sul letto ci sono troppe poche tracce. Perchè è sul quel letto e non sul pavimento è tuo dovere scoprirlo. Ora la portiamo in obitorio per ulteriori analisi. Ti saprò presto dire se c’è stato qualcos’altro. Vuoi darle tu un’occhiata prima di procedere?”
Drake fece un breve cenno con il capo e si congedò da David,ritornando al centro della camera ed inginocchiandosi di fronte al cadavere. Il suo cervello era rallentato quella sera..colpa della sera precedente,senza dubbio. Rebecca lo aveva piantato in asso a metà serata e si era ritrovato a girovagare per le vie senza uno scopo fino alle prime luci dell’alba. Aveva deciso di andare direttamente alla centrale ed aveva staccato alle nove. Rebecca non aveva risposto neanche ad una delle sue innumerevoli telefonate. Proprio mentre stava per addormentarsi la telefonata di Carl l’aveva colpito come un proiettile in fronte.
Esaminò le dita affusolate della ragazza. Erano graffiate e sanguinanti. Il viso presentava diverse abrasioni ed una ferita lineare spiccava sulla tempia destra. Aveva reagito,quello era sicuro. Non indossava nessun indumento particolare,probabilmente non doveva uscire. A giudicare dalla maglietta (una vecchia T-Shirt scolorita) non doveva nemmeno aspettare ospiti per quel pomeriggio.. me era solo una supposizione affrettata.
La mano destra era sporca di sangue,mentre la sinistra era relativamente pulita. Sul fianco sinistro vi era una profonda ferita, Drake calcolò circa una decina di centimetri di lunghezza. Sulle braccia vi erano altri tagli che,con tutta probabilità,erano stati inflitti dalla stessa lama.
Il detective della omicidi si alzò,passandosi le mani tra i capelli corvini. Lo aspettava una notte piuttosto lunga.
Si diresse verso Carl che,nel frattempo,era comparso sulla soglia della camera.
“Ciao,Drake.”
“Ciao,Carl”lo salutò “cosa ti avevo detto riguardo all’interferenza della polizia?”
L’uomo provò a balbettare qualcosa,ma Drake lo zittì subito con un cenno secco della mano “Lascia stare,adesso. Voglio che tu li faccia sparire,tutti quanti. Qui dentro ci voglio solo ed esclusivamente la nostra squadra,chiaro?”
“Sissignore” disse l’altro.
“Molto bene. Ora cos’hai da dirmi?”
“Laggiù vi è il fratello della vittima, William Crane. Lui e la sorella vivevano assieme. Sostiene di non essere stato lui a spostare il corpo,ma ha ammesso di aver rimosso la coperta. Non appena ha scoperto che era morta ha chiamato il 911. Non fa altro che ripeterlo in continuazione. è in uno stato di shock,al momento.”
“Per ora è il maggiore sospettato. Non appena si riprende,portatelo in centrale per l’interrogatorio e..”
“Drake..conosco i tuoi metodi. Sono estremamente efficaci,ma non esattamente..diplomatici. Molto da film poliziesco,ecco. Con questo dovrai andarci più piano del solito.”
“Cosa intendi dire,Carl?” nel tono di Drake si insinuò una nota di nervosismo che l’uomo conosceva bene e che,di solito,non prometteva nulla di nuovo.
“Crane soffre di una strana forma di disturbo mentale. Sarebbe consigliato l’appoggio di un esperto per questo sospettato..”
“Pensi che sia un tale animale?”
“Non ho detto questo. Comunque, la signorina Johnson è già stata chiamata.”
“Rebecca?”
“Da quando siete così intimi?”
“Lascia stare. Perchè ci stiamo affidando ad una psichiatra?”
“Perchè il capo ha deciso così,ecco perchè. Adesso,se vuoi gli altri dati..”
Drake fece una smorfia e cercò istintivamente il pacchetto di sigarette nella tasca destra del giubbotto,senza successo. Si ricordò che, sotto pressione del medico, ne aveva drasticamente ridotto il consumo. Carl lo guardava in silenzio.
“E va bene. Spara.” si decise a dirgli Drake.
“La vittima lavorava in un nightclub. Si chiama “Stella d’Oriente” e si trova ad una ventina di isolati da qui. è gestito da un certo..” guardò i fogli che aveva in mano “Gregory F. Knight. La donna lavorava lì come cantante,a quanto pare.”
“Aveva un fidanzato? Era in una relazione?”
Carl scrollò la testa “Non lo sappiamo ancora. Finchè il fratello non si riprende,non otterremo nessun dato utile. In casa non ci sono foto che testimonino alcuna relazione stabile,comunque.”
“Questo non significa niente. Fate analizzare ogni singolo oggetto nella stanza. Voglio tutto ciò che potete fornirmi su questa ragazza. Vedrò cosa posso tirar fuori dal fratello”
Carl gli scoccò un’occhiataccia
“Ovviamente” aggiunse Drake,sollevando gli occhi al cielo “solo con il consenso della mia signora padrona.”

Standard