In prosa, Life, Pensieri sparsi, Sensations&Thinkings, Uhm..

La mia dimensione

Rendersi conto di quanto prima di te si parlava senza avere nulla da dire e di quante poche parole vengano fuori ora che il mondo mi è scoppiato nel cuore, di quanto si cerchi di tenere dentro queste piccole perle di ricordi, lavorate, incise, lucide e perfette lacrime di luna piena che si tengono nascoste da quella gente che non capisce e parla troppo, pur non sapendo nulla e si riempe di fumo la bocca affilando le candide zanne venefiche, che brama il sangue sciolto, che sibila in un sussurro al quale siamo diventati sordi.

Standard
In prosa

Lascialo andare

Lascialo andare.
È solo uno sciocco pensiero. Uno di quei patetici sbuffi di fumo cinerei dell’anima che servono solo a far male e che si creano nella notte degli incubi da piume di civetta e cantilene invisibili di gufi.
Esce in un soffio nella mattina gelata tra labbra leggermente dischiuse, con in gola parole non dette, e da occhi gonfi e carichi ancora di tutto ciò che poteva essere.
Una mano si allunga a fare cenno all’autobus, alla realtà di un cielo plumbeo e silente.
Si va verso ciò che può essere, verso il mutevole, addentrandosi nel tempo dell’oggi.
E di quel pensiero opprimente non vi è che un ricordo già opaco.

Standard