L&L : Lavori vari

Quattro chiavi per un colpo

Questo è il primo racconto che scrivo su Diabolik..spero vi piaccia 🙂
PS: Un ringraziamento speciale a: I. Toschini, che mi ha finalmente spinta a scrivere questa Diabolika storia e mi ha dato l’opportunità di pubblicarla qui e a T.Monti che mi ha supportata con le sue preziose correzioni.
Tutti i personaggi sono inventati e non tratti da albi precedenti. 🙂

Buona lettura 🙂

–°_°–

(sulla scala,appendendo un quadro.) : Caro?

D: Sì?

E: Credi che questo dipinto vada spostato un po’ più a destra?

D: Uhm? Sì,sì..

E: O va bene così?

D: Certo..

E: Ma mi stai ascoltando??

D: A dir la verità,no,cara.

E: Stai ancora pensando a quell’articolo, non è vero?

D: Esatto. Non riesco a togliermelo dalla testa. Questa esposizione di pietre preziose resterà aperta al pubblico, nel museo di Clerville solo per una settimana, prima che vengano ridate tutte, senza esclusione, ai loro proprietari.

E: Non dirmelo..è un’occasione che non ti lascerai sfuggire e stai già pensando al modo di evadere i sistemi di sicurezza.

D: Non sarà così semplice purtroppo. Non ci sono solo i sistemi di sicurezza da evadere. Ginko sarà lì di persona e, per rafforzare la sicurezza, ha chiesto rinforzi anche alle forze dell’ordine locali.

E:  E allora? Non mi sembra che questo ci abbia mai impedito di procedere.

D:E non lo farà nemmeno questa volta. Devo solo trovare un modo per entrare là dentro..senza farmi notare,s’intende. A meno che..

E:  A meno che cosa?

D: Ho un’idea,ma non ti piacerà.

E:  Vai avanti.

D:Ti ricordi il figlio del nuovo direttore?

E: Sì,certo,Ludovico Ryder. E come potrei dimenticarmelo! Quando l’abbiamo incontrato in quel locale non faceva altro che urlare,bere e ronzare intorno alle signore.

D: A lui è stata affidata questa mostra.

E: La persona più sbagliata..

D:Fortunatamente per noi.

E: Che cosa intendi?

D: Ora ti spiego: la chiave per aprire la cassaforte contenente tutti i gioielli è magnetica..e scomponibile in quattro pezzi. Un pezzo è affidato a Ryder, uno al professor Kheoff, noto esperto di gemme, uno a Ginko e l’ultimo a Lady Priscilla Dweed,la vedova del Marchese Dweed, in quanto maggior benefattrice del Museo. Non c’è altro modo per aprire la cassaforte. Nemmeno io sarei in grado di forzarla senza far scattare gli allarmi.

E: Quindi dobbiamo impossessarci dei quattro pezzi, se vogliamo effettuare il colpo..

D: Esattamente. Ora ti spiego come faremo. Per prima cosa cercherò chi ha progettato la cassaforte e copierò i quattro pezzi della chiave,poi..

Quella sera, in un pub..

(con addosso una maschera): Buonasera..

Ludovico Ryder: Buonasera..ci conosciamo?

E: Non di persona, Signor Ryder, però, la vostra fama si conosce in tutto il paese. Sono onorata di averla incontrata qui,stasera.

LR: Il piacere è tutto mio, Signora..

E: Signorina. Barbara.

LR: Barbara. Posso offrirle qualcosa? Un drink?

E: No,grazie. Allora..dev’essere emozionante la nuova mostra del Museo. Insomma, un’esposizione così importante non la si vede tutti i giorni.

LR: Può dirlo forte.E: Il responsabile dev’essere un vero pezzo grosso. Così acculturato,generoso..disposto a donare questo patrimonio alla vista del pubblico. Dev’essere un uomo così coraggioso!

LR: Beh..lo sa tenere un segreto?

E: Certo che sì.. dica pure.

LR: Io sono il curatore della mostra.

E: (fa una faccia stupita) No! Non ci credo!! Lei è il curatore della mostra.. Non avrebbero potuto scegliere persona migliore! Ma, lei non ha paura di Diabolik?

LR: Non c’è di che preoccuparsi..non riuscirà mai a prendere quelle pietre. Ha bisogno di quattro cose..il suo sangue freddo e la sua arguzia non basteranno,questa volta. Nemmeno l’aiuto di Eva Kant lo salverà stavolta, se tenterà di prendere quei preziosi.

E: Sono felice di sapere un tale tesoro così salvo nelle sue mani..,ma ora basta,cambiamo discorso. Perchè non ci trasferiamo da qualche altra parte? Qui c’è troppo rumore.

LR: Concordo..cameriere,il conto.

(nell’appartamento di Ryder..)

LR: Bene,eccoci qui. Qualcosa da bere?

E: No.

LR: Io credo mi berrò un po’ di Scotch..

E (sottovoce): come se non avesse già bevuto abbastanza. è tempo di finirla qui con l’appuntamento. (a voce normale) Signor Ryder..ci avrei ripensato. Magari mi va un drink.

LR: Perfetto. Cosa gradisce?

E: Quello che beve lei va benissimo,grazie (gli mette un sonnifero nel bicchiere).

LR: A lei.(dieci minuti dopo)

E: (Al radio-orologio) Eccomi caro. Avevi ragione. Non mi è piaciuta affatto, come idea.

D: Nemmeno a me, ma era il modo più sicuro di evadere le sue guardie del corpo.

E: Già..cerco la chiave. Dev’essere qui in giro..

D: Non ti ha detto niente circa il luogo?

E: Solo che la porta sempre con sé. Quell’uomo non reagisce al phentotal..e credo che nemmeno gli altri due parleranno. Forse ho capito..(prende la giacca di Ryder. Vede la sagoma della parte della chiave nell’imbottitura : la taglia con un coltellino ed estrae il pezzo) Fatto. Sto arrivando.

(esce dalla stanza)

Guardia N1: Signorina. Il signor Ryder..?

E: Ho ricevuto la licenza di andarmene. Il signor Ryder sta riposando,al momento.

G N1: Sissignora. Buona serata.E: Buona serata a lei.

(esce. Entra nella Jaguar.)

E: Eccola qui. La facevo più grande.

D: è lei,tranquilla. Ottimo lavoro,Eva.

E: Ci vorrà ben più di un complimento per farmi dimenticare di quest’orrida serata. Però sei sulla buona strada…

D: Una cosa in meno.

E: Qual’è la prossima tappa?

D: La contessa. Domattina faremo un sopralluogo nella sua villa.

(L’indomani..)

D: Eva?

E: Com’è andato il sopralluogo,caro?

D: Al solito. Ho già trovato a chi sostituirmi: Carlos. è il maggiordomo della contessa. Ha accesso a tutte le stanze..e domani accompagnerà la contessa in centro.

E: Una coincidenza meravigliosamente opportuna,direi.

D: Assolutamente. Vado a preparare la maschera.

(Il giorno dopo, al mercato)

E (travestita): Ahhhh! Aiuto!! Qualcuno mi aiuti! Mi derubano!

Contessa Priscilla Dwee: Carlos! Cosa succede?

Carlos: Stanno derubando quella poveretta!

CPD: Fai qualcosa. (si avvicina ad Eva) Povera cara..

Carlos (insegue il ladro in un vicolo) Fermo dove sei,ladro!!

D: Come vuoi, Carlos. (lo addormenta con il cloroformio e lo nasconde nella Jaguar,parcheggiata lì vicino)

D (travestito da Carlos) Eccomi Milady. La sua borsa,Signora. Quel vigliacco me l’ha buttata contro non appena ha visto che stavo per raggiungerlo ed è scappato.

E: Grazie,buon’uomo. Gliene sono grata..

CPD: Ha bisogno di qualcosa?

E: Oh,no,no..avete già fatto abbastanza. Sono io che dovrei ricompensarla..

CPD: Non si preoccupi. è sicura di stare bene?

E: Sì,si.

CPD: Bene. Andiamo,Carlos. Abbiamo delle commissioni da sbrigare.

(..a casa della contessa..)

D (pensando): Il gas è pronto..stasera potrò cercare con tranquillità in tutto il castello. Quella donna è un osso duro. Non sono riuscito a strapparle neanche un accenno sulla posizione della chiave..

(Quella sera,dopo aver attivato il gas..)

D: Eva.

E: Sì?

D: Dove terresti qualcosa di estremamente importante?

E : Perché lo chiedi a me?

D: Ho setacciato tutta la casa,ma non c’è traccia della chiave.

E: Non hai idea di dove possa essere?

D: Qualcosa di piccolo e.. so dov’è.

(entra nella sala della contessa e,dentro al portagioie, in un doppio fondo, trova il pezzo)

(esce dalla camera.)

Cameriera: Carlos? Sei tu?

D: (pensando) e questa chi è?

CM: Carlos? Sono io. Elisabetta.

D (pensando)l’ex cameriera di Priscilla! Cosa ci fa ancora sveglia?? E perchè mai è qui?? (parlando) Elisabetta? Cosa ci fai tu qui a quest’ora?

CM: Lo so che non potrei più tornare,ma..ho pensato che magari, sai..

D: Vattene. Non devi mai più tornare, hai capito bene?

CM: Ma che ti prende?? Fino a due giorni fa non vedevi l’ora che venissi qui e adesso mi mandi via?

D: Vattene, Elisabetta!! Non mi hai sentito? Non sei la benvenuta.

CM: Vai all’inferno, Carlos! Mi hai capita bene?? Ti odio! Tu..,ma quella è la chiave della contessa? La chiave della mostra? Come mai ce l’hai tu?

D (la stordisce e la porta via)

(al rifugio)

E: E quella donna chi è ??

D: è Elisabetta, l’ex cameriera di Priscilla. Aiutami a metterla nella stanza di sotto…(rinchiusa Elisabetta)

E: ..e così Carlos e la cameriera avevano una tresca! Chi l’avrebbe mai detto..

D: Questo complica le cose. Mi ha visto con la chiave. Non è facile da dare come spiegazione..hai tenuto Carlos sedato?

E: Per tutto il tempo.

D: Perfetto. Domani lo metteremo nella sua stanza..faremo credere che abbia preso una botta in testa. Giustificherà il suo buco per la giornata di oggi.

E: E con Elisabetta come la mettiamo?

D: Non possiamo lasciarla andare,questo è sicuro. La terremo qui, finché non avremo fatto il colpo. Poi la lasceremo andare. Non è pericolosa, ma in questo preciso momento potrebbe buttare tutto all’aria. Non voglio che Ginko sappia a cosa sto puntando. Più tardi lo viene a sapere,meglio è. Domattina visiteremo il professore. So già dove tiene il suo pezzo della chiave, quindi sarà un lavoretto rapido.

E: Non dirmelo..un’altra idea che non mi piacerà?

D: A dire il vero questa potrebbe..piacerti.

(Il pomeriggio seguente,alla biblioteca pubblica..)

D: Ecco il professore..ricordati. è la terza porta a sinistra. Hai dieci minuti.

E: D’accordo.

D (scontra uno scaffale accanto al professore e fa cadere tutti i libri) Oh, accidenti. Mi scusi..,ma lei è il professor Kheoff?

K: Sì..che disastro! I miei libri..

D: Mi lasci rimediare..

(Eva si allontana)

E: (pensando) Terza porta a sinistra..dovrebbe essere questa. Perfetto. (apre il cassetto della scrivania) Un doppio fondo: tipico. Vediamo..ah-ah (fa scattare il meccanismo) ecco qui. Il terzo frammento. (prende il pezzo e richiude lo scomparto). E ora,via. Il tempo è quasi scaduto.

(rientra nella sala principale)

D: Scusi ancora per il tempo che le ho fatto perdere,professore.

K: Uh? Si figuri,si figuri..ma adesso devo andare. Arrivederla.

D: Lo hai preso?

E: Sì. è qui.

D: Andiamo. Qui abbiamo finito.

(salgono in macchina)

E: Certo che Ginko non si è impegnato con la sicurezza..insomma, non dovrebbe essere pieno di poliziotti ovunque qua intorno?

D: Saranno tutti alla mostra oggi. è il giorno d’apertura. Di sicuro Ginko mi aspetta là.

E: Cos’hai intenzione di fare?

D: Di andare. Lui ha l’ultimo pezzo con se. Passiamo al rifugio a prendere le maschere ed andiamo là..alla presentazione serale.

(quella stessa sera..)

D: (travestito) Ecco Ginko.

E: Questo posto pullula di agenti.. inizio ad essere preoccupata.

D: Non agitarti Eva.Il vero problema non sono gli agenti..  Ludovico è lì.

E: E laggiù ci sono anche la Contessa ed il Professor Khoff.

D: Perfetto..sembrano tutti troppo emozionati per badare a noi. Dovrai sempre controllarli da vicino..specialmente Ginko.

E: Non sarà difficile. Ma se la vera Anya dovesse sbucare fuori all’improvviso?

D: La collega di Ginko è in viaggio a mille miglia da qui. Ho seguito la conversazione tra lei e lui o una settimana fa. Non lascio mai nulla al caso.

E: Sii prudente.

D: Non temere..ricorda, una volta chiusa la sala,resta fuori in attesa. Ho bisogno che tu sia pronta ad intervenire in ogni momento.

E: D’accordo,caro..

(Eva, con la maschera di Anya si avvicina a Ginko,che si volta,mentre Diabolik passa inosservato alle sue spalle)

G: Anya! Ti credevo lontanissima!!

E: E invece sono tornata per farti una sorpresa, fuori servizio. Non sei contento?

G: Devo tenere sott’occhio questa stanza,Anya.

E: Credi che Diabolik oserà fare il colpo proprio questa notte? Con tutti questi poliziotti?

G: Dio solo sa cosa non è in grado di fare quel criminale.

E: Ma dovrebbe essere un folle!!

G: Lui è tutto,meno che folle. Sta macchinando qualcosa,me lo sento.

E: Va bene,vedo che sei impegnato. Andrò a parlare con il professore. Buon lavoro..occhi aperti.

(Eva si allontana. Intanto,nella sala della cassaforte..)

D: (pensando) eccola qui. I gioielli sono al suo interno..manca solo la parte di chiave di Ginko. Sistemiamo le cose per bene..

(Il museo chiude. Rimangono solo i poliziotti.)

G: Wilkis,Derfed prendete dieci uomini a testa e sorvegliate le entrate principali, voglio tre di voi sotto ogni lucernario..io e altri due uomini staremo di guardia alla porta della stanza principale.

Agente: Sissignore.

(Gli uomini e Ginko si dispongono..)

(si sente un rumore dalla stanza della cassaforte. Ginko ed i due uomini entrano. )

G: Le maschere antigas, presto!

D: Credevi non ci avessi pensato,Ginko?

(dalle pareti partono tre aghi che prendono in pieno i due poliziotti. La porta si chiude alle spalle di Ginko)

G: So cosa vuoi..e non ho alcuna intenzione di dartelo. E ora, in alto le mani.

E: (alle spalle di Ginko) Semmai è il contrario, ispettore.

(Ginko lascia la pistola)

G: Non la farete franca.

E: (prende il pezzo della chiave dalla tasca dell’ispettore e lo da a Diabolik. Poi colpisce Ginko e lo fa svenire)

D: Sbrighiamoci. Non abbiamo molto tempo.

(aprono la cassaforte. è vuota)

D: Vuota?? Ma come può essere?!

E: Eppure abbiamo visto quei gioielli coi nostri occhi..

LR: Oh, già. è vero. Mani in alto.

D: Ludovico!

LR: Già..ti ricordi di mia sorella? Quella che hai ucciso? Ovviamente no..nessuno dei due la ricorda..era solo una ladra,in fondo. Beh, è quello che siete voi. E state per fare la sua stessa. Brutta. Fine. Non una mossa. Se provi a tirare il pugnale, sparo ad Eva. E sappiamo tutti e due che la pallottola la raggiungerà prima che tu o lei possiate fare qualcosa.

D: Giuro che ti ucciderò..

LR: Lo sai cosa? Non mi importa. Non mi importa di morire..sapendo che mia sorella sarà vendicata.

(si sentono colpi di pugni sulla porta e le urla dei poliziotti)

LR: Sai non so ancora se ucciderti direttamente..o se lasciarti andare alla forca. Potrei passare alla storia come l’uomo che ha finalmente preso Diabolik..

E: Non oggi. (corre di lato)

D: (lancia il pugnale e colpisce Ludovico al petto) Questo è per ciò che hai fatto..tua sorella era una ladra ed un’assassina. Non ho colpa per la sua morte. è caduta dalla scogliera,tentando di scappare dal nostro rifugio. Nessuno di noi due l’ha uccisa.

LR: Tu..menti..(sviene)

D: Eva! Il lucernario!

E: Fatto,caro. (dal soffitto scendono due corde) Andiamo! Non abbiamo tempo!!

(iniziano a salire. I poliziotti entrano. Alcuni sparano altri soccorrono Ginko.)

Ag: Ispettore,sta bene?

G: Sì..ma perchè non siete intervenuti prima??

Ag: La camera è insonorizzata,signore. Il signor Ryder è entrato dicendo che doveva controllare dei valori..non abbiamo sentito nulla.

G: è fuggito ancora!! Quel maledetto!

Ag.: Signore, Ryder è vivo.

G: Portatelo all’ospedale. Poi al carcere. Massima sorveglianza.

Ag.: Signore, abbiamo trovato i quattro agenti di guardia al lucernario della sala accanto morti. Aghi al cianuro.

G:..La Kant..

Ag: e altri due agenti morti a pugnalate. Una singola a dir la verità.

G: La sua firma,di certo. Sarà furioso..tutta questa sceneggiata per niente.. Ironia della sorte, l’uomo che voleva ucciderlo con la sua trappola è stato quello che gli ha dato tutti i mezzi per la fuga..a partire dalla camera insonorizzata.
(Altrove,sulla Jaguar..)
E: Non sei arrabbiato? Voglio dire..quattro giorni a preparare un colpo..andati in fumo.

D: Avrei preferito andarmene con un carico di gioielli,Eva. Ma ho ottenuto lo stesso ciò che volevo. Ho dimostrato al mondo di essere ancora l’inafferrabile criminale e che la nostra complicità è indistruttibile e completa. Quando Ludovico Ryder ha pensato di sfidarmi avrebbe dovuto mettere in conto il fatto che io..noi vinciamo sempre.

E: A proposito di Ryder.. cosa intendi fare con lui?

D: Nulla. Di sicurò gli verrà dato l’ergastolo..non durerà molto,vedrai.

E: Quindi era tutta una montatura? Nessun gioiello?

D: A dire il vero un gioiello ce l’ho..anche se non l’ho rubato alla mostra (tira fuori un collier di smeraldi) quando ho preso il pezzo di chiave della Contessa, ho visto anche questo. Ti piace?

E: Oh,amore,ma è..meraviglioso!

D:Come te..

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...